SI VOTA


pa-pa-ra-pa-pa-pa-pa la-maggioranza-non-c'è-più (c'è mai stata?)
notiziona: governo in bilico. Sì, dall'aprile 2006.
Davvero significativo che cada perchè uno solo, attaccato alla famiglia, ne esce, uno "intelligente" che dice robe tipo I am Parliamentary Europey! I am my wife! ghghghgh ..chissà gli altri sinistri...
Mastella vuole prendersi i meriti di far cadere il governo...
Ecco cosa succede a schierarsi contro la Chiesa come han fatto i sinistri... porta una sfiga pazzesca... da lassù gli hanno giocato lo scherzetto...
"Tutti gli elementi di destabilizzazione sono giunti dal centro. Chiesa compresa".
(Paolo Ferrero, Ministro della Solidarietà)
Ah avete capito... Per loro, se non vanno d'accordo col Papa, non è colpa della sinistra (specialmente estrema), ma della Chiesa, che destabilizza il loro "grande equilibrio" spostato a sinistra e continuamente diviso... Completamente imbecilli.
Adesso inizia la fase della "melina"...per chi non conosce il gergo calcistico, trattasi della perdita di tempo per far finire la partita, che i sinistri vorrebbero durasse fino a ottobre... (per le pensioni).
Dal vocabolario, MELINA= gioco BOLOGNESE (come Mortadella!!) consistente nel passarsi un cappello lanciandolo sopra la testa del proprietario senza farglielo prendere.
Mortadella: "Voglio guardare in faccia chi avrà il coraggio di cacciarmi. Ho rimesso in piedi il Paese. Se si va al voto mi ricandido".
...io in faccia gli sputerei... il paese quale, quello suo in provincia di Reggio Emilia?
MI RACCOMANDO: ALLE PROSSIME ELEZIONI VOTATE: MORTADELLA. Cazzo io lo voto veramente...poverino... Voti ricevuti: UNO ghghghgh... Un eroe della Resistenza. Fuori tempo. In mutande (noi, più che lui). Questi politici sinistri sono persone completamente incoscienti.

SINISTRA=POLITICA?????

Nei "momenti" di maggior difficoltà, i sinistri fanno questo discorso (stavolta Bertinotti): la politica vive momenti di grande difficoltà, bla bla bla, e (ATTENZIONE) i cittadini e i giovani si sentono distanti dalla politica, bla bla bla...
NO, caro Faustone...semmai distanti dalla SINISTRA, non dalla politica, imbecille! Se siete delle schiappe, non date come al solito la colpa agli altri, colpa di Berlusconi, colpa del governo precedente, ecc. Voi non siete la politica eh! Vanitosoni.. (proprio come il Presidentone dell'Inter, che si crede di essere il calcio in persona...e guarda caso anche lui è di sinistra). E' come se una squadra di calcio gioca malissimo, e allora ai tifosi di tutte le altre squadre non piace più il calcio! Parlate per voi, bestie!

Vi ricordate i manifesti dei sinistri sull'ambiente? "UN FUTURO MIGLIORE, UN MONDO PULITO. SIAMO QUI PER QUESTO" (parole testuali prese dai manifesti). Non si accontentavano di pulire Napoli eh, ma addirittura IL MONDO. Tipico sinistro, "grandi" idee irrealizzabili, e risultato di non riuscire a mettere a posto neanche casa propria (tranne il loro cadreghìn e dei loro amici e parenti, ovvero qualche decina o centinaia di persone).

REALTA' CAPOVOLTA

7 aprile 2003: i carri armati americani scorrazzano per le strade di Baghdad conquistata e il Ministro "Alì il chimico" (il comico?) fa una conferenza stampa, annunciando: "il nemico è sbaragliato".

22 gennaio 2008: il "governo" ha il 17% di fiducia degli italiani, continua a sfaldarsi, stavolta irrimediabilmente e il "Premier" Mortadella fa lo gnorri dichiarando: "ho rimesso in piedi il Paese, mi ricandido".




www.libero-news.it

"Non la considero una scelta giusta: non mi piace l'idea che chi ha i soldi può entrare e chi non li ha resta fuori".
(il sindaco di Roma Walter Veltroni, criticando il sindaco di Milano Letizia Moratti)
Eh sì, d'altra parte, Milano è una città del cavolo, ha tutti quei bei corsi d'acqua, dai Navigli all'Olona, e non vi ha organizzato intorno neanche un campo rom come a Roma, o "qualche" bel mercatino clandestino come a Roma.

"Augh! Augh! Augh!"
(grande citazione... detto da un centinaio di studenti di Roma, della "Sapienza", che a parole è una delle migliori università, a fatti una delle peggiori)
Era una efficace sintesi del pensiero dei 68 "docenti" del '68 contro il Papa.