barzellette sinistre...




www.ilgiornale.it

The best of Mortadella..ghghghgh.. Mi sono accorto che ormai chiamo Prodi col nome Mortadella come se fosse il suo vero nome... è un classico che gente che si chiama in un modo, quel loro nome significa il contrario di quello che sono, ironia della sorte... perchè lui non è certo uno di quelli prodi... piuttosto, proditore... (per chi lo vota)...bello proditore per Prodi, sembra il nome di una bestia strana, un roditore.

Che bello, che paese democratico che è l'Italia, puoi raccontare le barzellette sulla sinistra. Però occhio se le sentono i sinistri, si offendono tremendamente (D'Alema & company), mica hanno il senso dell'umorismo di Silvio... Per la serie: una risata vi seppellirà... perchè se uno non ha senso dell'umorismo, autoironia, si elimina da solo... tipico sadomasochismo sinistro...filo-francese...

Piero il «grissino»
Fassino è così magro che quando va al parco sono le anatre che gli buttano il pane.

Voli pericolosi
Su un aereo ci sono Prodi, Rutelli e Mastella. L'aereo cade. Chi si salva? L'Italia.

Le angurie
I verdi sono come le angurie: verdi fuori, rossi dentro con qualche puntino nero.

Pugni chiusi
Un saluto a pugno chiuso al compagno Bertinotti: prima su un occhio e poi sull'altro.

Meglio Osama
Perché gli afgani hanno Bin Laden e noi Prodi? Loro hanno scelto per primi.

In fuga dall’Italia
Ansa: Dopo la finanziaria di Prodi, lungo le coste dell'Albania, sono stati intercettati i primi barconi di clandestini italiani in fuga.

L’Udeur
Che differenza c'è tra un prete e Mastella? Nessuna: entrambi prendono i voti e poi cambiano parrocchia.

Le favole
Che differenza c'è tra un pacifista e Pinocchio? Uno ha la testa di legno e racconta balle, l'altro è il figlio di Geppetto.

I parcheggi
A Roma un signore parcheggia davanti a palazzo Chigi. Si allontana lentamente ma dal palazzo del governo esce subito un portinaio che gli urla dietro: «Guardi che lei non può parcheggiare qui!». «E perché no?». «Perché qui devono passare Prodi, Visco, Padoa-Schioppa...». «Ah, non si preoccupi, ho l’antifurto!».

Nessuna amnesia
La segretaria di Prodi inciampa e cade. Il premier l'aiuta a rialzarsi. Lei: «Presidente, che gentile, come posso ringraziarla?» E lui: «Il governo è caduto e ci saranno nuove elezioni; potrebbe votare per me». La donna: «Ho sbattuto il sedere, non la testa!».

Occhi a mandorla
In Cina rispettano i diritti umani. Ci hanno restituito sia Prodi sia i mille della sua delegazione. E non hanno neppure provato a copiarceli.

Faziosi in onda
Il santo patrono dei martiri comunisti? San Toro.

Tutti uguali
Il mago fece un gesto e scomparve la fame, fece un altro gesto e scomparve l’ingiustizia, poi un altro ancora e terminò la guerra. Il politico fece un gesto e scomparve il mago.

Girotondi
Sapete perché Nanni Moretti ha voluto partecipare ai girotondi? Perché se avesse giocato a nascondino non lo avrebbe cercato nessuno.

Sinistra in crisi
Per tranquillizzare i moderati la sinistra ha liquidato il passato. Poi, presa dall’entusiasmo, anche il futuro.

La toilette
L’onorevole Bertinotti ha ordinato di togliere da tutte le sedi del partito la scritta «Toilette» sulle porte dei bagni e di sostituirla con «Lo sforzo del popolo nel momento del bisogno».

Come un boiler
Che differenza c'è tra Bertinotti e uno scaldabagno? Se togli la resistenza rimane solo un bidone.

La preghiera
Prodi nostro che stavi a Bruxelles, sia De Benedetti il tuo nome, sia Fiat la tua volontà come in Sme così in Serbia, dacci oggi la nostra Irap quotidiana e rimetti a noi il debito pubblico come noi lo rimettemmo al nostro Amato, e non ci indurre nell’Unione ma levati dai coglioni. Amen.

A metà tra Mr Bean e Fantozzi, il premier è il goffo protagonista della storia che lo vede a passeggio con la moglie Flavia. Romano si ferma davanti a una vetrina ed esclama: «Pantaloni 20 euro, camicia 17 euro, giubbotto in pelle 35. Vedi? Non sono prezzi alti. E poi parlano di crisi!». La moglie lo guarda teneramente ma sibila: «Stupido! Non vedi che quella è una lavanderia?».

(tratte da "Proditax", di Adriano Altorio, edizioni L'Airone)