Mortadella come Maria Antonietta: "Dategli brioches"

E' famosa la diceria sulla regina di francia Maria Antonietta, che alla notizia del popolo in tumulto per mancanza di pane, disse "Se non hanno pane, mangino brioches"... Ecco, mi fa venire in mente Mortadella che se ne frega se persino il pane aumenta di prezzo, tanto la gente come lui nei loro salotti è abituata a mangiare ben altro che il pane dei poveracci... ce lo vedo bene nei panni di Maria Mortadella Antonietta... I Queen in una celebre canzone del '74, "Killer Queen", di presa in giro dei francesi, cantavano: "She keeps Moët&Chandon in her pretty cabinette, let'em (them) eat cake, she says, just like Marie Antoniette... caviar and cigarettes, well-versed in etiquette... perfume came naturally from Paris..." Sembra la descrizione di Mortadella (ricordiamo quando al suo compleanno nel suo castello gigante stappò un mega-bottiglione enorme di champagne francese proprio Moët&Chandon - la marca migliore, non è mica un barbone eh - , e molto italiano eh, bell'esempio...), specialmente quando dice "...met a man from China... (famoso viaggio di Mortadella in Cina) ..For car she couldn't care less (di macchine non gliene poteva fregà de meno... =tasse aumentate per bolli, e prezzo benzina alle stelle) ...temporarily out of gas...to absolutely drive you wild, wild..." (per farti completamente impazzire... = il famoso "è un paese impazzito")

Queen web: www.godsavethe.blogspot.com

PRODI CANDIDATO ALLE ELEZIONI CONDOMINIALI

Se Mortadella ha fatto tutto 'sto "capolavoro" di cui parla Veltroni, perchè non lo ricandidano? Come fanno gli italiani a perdersi "l'ottimo premier" che ha fatto un "lavoro meraviglioso"? Dovrebbero provare a ricandidarlo, però al massimo per le elezioni di un condominio, non so se neanche lì lo prenderebbero. Veltroni non ci sta più dentro con la testa, è in sbattimento e le prova tutte, a dire il contrario e il contrario del contrario. Copiare il programma dalla destra è come ammettere che le "idee" sinistre sono fallite. Come si fa poi a dire che con il PD ci sarà un "nuovo miracolo economico, come il boom degli anni '60"? Solo un mentecatto potrebbe crederci... Veltroni gioca sulla stupidità e ignoranza di tanti italiani... E' identico al Mortadella che prometteva "la felicità per tutti"... ballisti e ignoranti, visto che uno che dice queste cose non capisce niente di economia (la situazione degli anni '60 e quella gli anni 2000 come potrebbero essere anche lontanamente simili?!). Poi a Roma com'è che Rutelli dice che va cambiata la situazione? E' come ammettere che il sindaco Veltroni ha fallito. E il Tg3 cosa dice? "Oggi è avvenuto il passaggio di consegne tra Veltroni e Rutelli"... hanno già deciso che sarà lui il "nuovo" sindaco, elezioni inutili quindi? Nell'amata America di Veltroni mettono i candidati con sotto scritto "comprereste una macchina da quest'uomo?" Dopo tutti i disastri che hanno combinato e le balle raccontate anche in tv tipo da Fazio, chi è che la comprerebbe da lui? Sono allibito al pensiero che milioni di italiani lo voteranno, un paese completamente pazzo.

VELTRONI IL FURBACCHIONE

2006, le ultime parole famose: "...Quello che è certo, io penso che Romano sia la persona giusta per farlo, questo paese ha bisogno di guardare un po' più al futuro...questo è un paese stanco" (sì, di quelli come te!). Notare anche il suo solito modo commovente-patetico di dire le cose... Grande anche il pezzo quando Fazio dice "Lei c'è sempre però. Questa è la costante". E VW (VolksWagen?) Veltroni: "E' la sicurezza che non ci sarò. Il fatto di esserci sempre è la garanzia che io non ci sarò". Chiamate la neuro deliri. Provate a notare nei loro discorsi, i paroloni, i giri di parole che con cui si riempiono la bocca i sinistri come lui (ieri ne ha detta una che sono rimasto allibito, talmente complicata "ma anche" insignificante che me la sono già dimenticata), tutte le espressioni che provengono dal linguaggio del '68, per esprimere il NULLA... Come in questo video: parole al vento, parole scritte sull'acqua come ci hanno insegnato le scuole sinistre italiane, voleva lasciare "ma anche" no... A meno che non creda a tal punto alla sua avventura che, sconfitto alle urne, non cambi mestiere.

CHI SI FIDA DELLA BEFANA

Si può credere a Babbo Natale, alla Befana, ai sette nani di Biancaneve; si può credere che gli asini volino e che gli elefanti un tempo fossero anoressici; si può credere ai dischi volanti, alle canzoni di Minghi, alla rimonta della Roma sull'Inter, alla fata turchina e a maga magò. A tutto si può credere, con un po' di buona ingenuità. Ma credere a questo Veltroni è un'impresa che riuscirebbe persino difficile al vincitore del Boccalone d'Oro.Quello che vi proponiamo qui sopra è il dialogo tra Walter e Fabio Fazio, risalente al 2006. E non vi sarà difficile capire che d'ora in avanti chiunque di voi potrà affibbiare al candidato del Pd l'epiteto di «furbacchione»: è lui stesso che ci autorizza a farlo. Diceva che dopo l'esperienza di sindaco di Roma si sarebbe ritirato dalla vita politica: «Vedremo se sarà vero o no», diceva. Infatti, lo stiamo vedendo.La trasmissione in cui era ospite si chiamava «Che tempo che fa». Piuttosto brutto, direi. C'è un po' di nebbia. Bisogna accendere i fari. Dunque, riassumiamo: Veltroni annuncia che correrà da solo, poi imbarca Di Pietro e radicali; mette fuori squadra gli anziani e poi inserisce l'ottantenne Veronesi; dice che Mediaset è una risorsa, poi si attrezza per portarle via una rete; dice che il governo Prodi va difeso, poi si impegna per farlo dimenticare; si proclama paladino dei cattolici e poi fa di tutto per umiliarli; giura che vuole il rinnovamento e poi candida l'esercito di parentopoli. Credergli è così difficile che persino sull'Unità, il giornale a lui più vicino, è uscita una vignetta che prende in giro il suo slogan elettorale. Veltroni dice: «Non pensate a quale partito, pensate a quale Paese». E un italiano con le valigie in mano commenta: «Infatti: ho già fatto il biglietto». Ma a noi resta un dubbio: quello che doveva andarsene non era lui? Ma sicuro: l'Africa, il Terzo Mondo, i bambini che muoiono di fame (andando poi in vacanza alle Maldive! - n.d.P.G.). Perché «non bisogna fare politica a vita, bisogna continuare a fare le cose nelle quali si crede». Il suo amico, il cantante De Gregori, gli dedicò anche una canzone per invitarlo ad andarsene: «Pezzi di emozione che non si interrompe... gira i tacchi e vai in Africa, Celestino». E invece Celestino Veltroni è ancora qui. Nel Terzo Mondo ci ha mandato Fassino. Lui, invece, si è candidato. Siccome la sua esperienza politica era conclusa, come disse due anni fa, ora vuole diventare presidente del Consiglio. Ha pure presentato un programma, e dice che bisogna aver fiducia, perché lui fa sempre quello che dice. Eccome no: chi è che non ci crede? Noi infatti gli crediamo tanto, noi crediamo a tutto. A proposito: sapete dirci quando arriva Babbo Natale?

Mario Giordano www.ilgiornale.it

Mi chiedo se Veltroni che continua a parlare di lavoro "meraviglioso" fatto da Prodi (MA ANCHE di grave crisi...deciditi!!!), abbia mai fatto un giro al supermercato, e si sia accorto dei disastri sociali ed economici di Mister Euro Mortadella.

"Noi vogliamo portare il paese fuori dai guai"

Si deve decidere...non può prima dire che "Prodi è stato un ottimo premier", "capolavoro del governo Prodi", e poi dire che (ma anche) c'è "grande crisi" (e poi ancora "l'Italia non deve rialzarsi, tanto per fare il bastian contrario di Berlusconi e di sè stesso), perchè o è una cosa o l'altra, imbecille! Veltroni ha cannato alla grande: per sua stessa ammissione, la non riuscita del "meraviglioso" "governo" Prodi (ma allora era meraviglioso o fallimentare?) sta nel fatto che litigavano tra di loro, e adesso il Veltroni cosa ti combina? Mette insieme radicali e cattolici... Tipico sinistro: darsi la zappa sui piedi da soli. Il tutto per guadagnare "qualche voto in più" (sì, lo zero virgola..) quando poi perde PUNTI percentuali, perchè la gente non capisce il suo messaggio politico incomprensibile, oltre a perdere la fiducia dei cattolici.

Come si fa a dire due cose del genere:

"La politica non può dare soluzioni ai problemi senza farsi guidare da un sistema di valori"

ma anche

"I temi etici devono rimanere fuori dal dibattito politico elettorale"

(chi può averlo detto se non Walter Waterloo Veltroni)

"Perchè quando nel 2001 Pannella si candidò col centrodestra, non ci fu tutto questo can-can?"
(Veltroni della sinistra can-can..."yes we can"... yes, you can-can!)

Te capì, il furbacchione...gioca sulla scarsa memoria... peccato che nel 2001 Pannella NON si è candidato col centrodestra...

"Noi continueremo col nostro tono pacato".

Attento, non con la P, ma con la B, bacato! Sì sì, continuate col vostro tono patetico, commovente, con la lacrimuccia...ridicoli. Non vanno d'accordo neanche tra di loro, nè con la Sinistra l'Arcobaleno (mwahahahahaha scusate, pensavo a "tutti i colori") e neanche all'interno del PD, cattolici con radicali, allucinante...

Alfonso Pecoraio Scanio:
"No al nucleare, il futuro è il solare".

mwahahahahahaha sì, il sola che ride... cosa fa, vuol giocare con gli specchietti riflessi e fornire così tutta l'energia necessaria...completamente imbecille, e non si scopre oggi... (a proposito: è stato dimostrato che la sua energia eolica causa inquinamento...) ...parla proprio lui che il suo partito col "sole che ride" dei Verdi NON ESISTE PIU'...risucchiato... Intanto gli altri Paesi vanno avanti, e persino Londra, con sindaco comunista Ken il Rosso, e governo di sinistra, si sono forniti di altre 14 centrali nucleari... Troppi vantaggi: risparmio, indipendenza, affidabilità...

Stavo leggendo quello che ha scritto il PD sulla Rai:

"Subito, nuove regole per Il Governo della Rai: una Fondazione e un'Amministratore unico".

Sì, "ma anche" un prof di italiano, visto che un Amministratore si scrive senza apostrofo.

VELTRONI COME LA BERTE'

Ma chi è che sta guardando il Festival di Sanremo Sinistro sulla Rai Sinistra? Io manco di striscio...non ho neanche più il canale... sta facendo un flop pazzesco, così come hanno fatto i programmi sull'assegnazione degli Oscar degli attoroni sinistri impegnati...La Bertè la pazza cocainomane sinistra anti-Bush anti-Berlusconi con manie suicide, la Signora ha copiato non solo da sè stessa ma anche dagli Ac-Dc... squalificata come Veltroni che ha copiato da Silvio... Questa gente copiona ha come idoli cinesi e napoletani, maestri del tarocco.

Qualche citazione di persone dirette, ovviamente di destra:

"In Rai puoi lavorare solo se sei di sinistra o se ti prostituisci".

(Silvio Berlusconi)

Ovviamente poi dei lavoratori della Rai hanno protestato chiedendo 50mila euro a testa di risarcimento da Silvio, tanto per spillare i soldi...la verità offende... (e poi il ladro è lui eh...). Avete visto che ci fanno pagare il canone (seguendo la legge fascista del 1938) anche per solo possesso di videocitofono?! Manca solo il forno a microonde... Dall'anno scorso ho il videocitofono ma mi chiedo come possa essere abilitato a ricevere i programmi tv... allora ci siamo messi a prendere per i fondelli la Rai e quando usiamo il videocitofono facciamo finta di essere a Mai dire gol, facendo le comiche a video, in bianco e nero come era con la Gialappa's.

"Inseguirò Bin Laden fino alla porta dell'inferno e gli scaricherò addosso tutte le vostre armi".

(John McCain candidato repubblicano, in una fabbrica di armi. Tra i due litiganti - Osama-Obama nero ex musulmano & Hilary esaurita, il terzo godrà...)

"Auguro a Fidel Castro di di incontrare presto Karl Marx".

(John McCain)

Notare che a Cuba la dittatura comunista è addirittura dinastica...Castro lascia a un altro Castro, giovincello di 76 anni... (come i nostri sinistri tipo Veltroni che si definiscono "nuovo che avanza", candidano gente tipo l'ottuagenario Veronesi - naturalmente dicendo prima che "corro da solo", "ma anche" con Di Pietro e radicali pro droghe libere, eutanasia, matrimoni gay e ciofeche simili, messi insieme ai cattolici, usati...conciliatori degli inconciliabili...solite utopie sinistre... - e gente che politicamente comunque è giurassica, anche quelli più "giovani" tipo Cicciobello Rutelli - usano sempre la stessa tecnica per coprire i disastri di Mortadella, lui è il "nuovo Clinton italiano" o Veltroni il "nuovo Obama italiano", quando in realtà non hanno nè la stessa storia personale nè capacità degli americani). Persino D'Alema, l'intelligentone che in giovinezza tirava bombe contro lo Stato, si è augurato che con la caduta di Castro vengano rilasciati i prigionieri politici accusati di "gravissimi" reati d'opinione...come in Cina... Ovvero: D'Alema & amici sinistri sapevano ma tacevano... (tanti tacciono ancora).

ILLUSIONI O CONCRETEZZA - McCAIN BUTTA GIU' I MURI

Faccenda molto interessante: in America e qui da noi stanno misurandosi, per la prima volta in modo diretto, diciamo a tu per tu, due dialettiche politiche. Ben rappresentate dalle parole d'ordine di Barack Obama e John McCain, il «we can» del primo e il «we will» del secondo: il «noi possiamo» contrapposto al «noi faremo». Walter Veltroni è ovviamente un dichiarato «wecanista» e tutta la sua campagna elettorale è accordata su quella nota. Ovvero sul linguaggio evocativo, un po' melenso e se non proprio messianico (qual è invece quello di Obama), orientato a promuovere l'intensa aspettazione di un importante cambiamento politico e sociale. Per cui, grande ricorso alle immagini, all'allusione, ai temi morali, agli ideali, ai sogni (I have a dream!), alla partecipazione e al coinvolgimento (I care!), al confronto e al dialogo, alla armonia, alla disponibilità e alla tolleranza. Parole cadenzate in lirica e dunque di facile presa, con effetti oppiacei e sopra tutto ovvie, cioè che si presentano subito alla mente. I «wewillisti» sono ovviamente di tutt'altra pasta. Meno sognatori (e cioè con i piedi ben piantati in terra), poco propensi a contrabbandare illusioni (che pure sono, le illusioni, l'articolo più facile da smerciare e da contrabbandare), hanno un linguaggio più concreto, più riferito alle cose e ai fatti, in minor grado lusinghiero ma capace d'essere persuasivo sempre che l'interlocutore non si culli in fantasie vittoriane, alla sorelle Brontë. C'è un episodio, storico, che illustra molto bene la differenza fra «wecanisti» e «wewellisti». Il 26 giugno del 1963 John Kennedy - forse il più noto, amato ed imitato «wecanista» - concluse il discorso che stava tenendo nel quartiere berlinese di Schöneberg con queste parole: «Tutti gli uomini liberi, dovunque essi vivano, sono cittadini di Berlino, e quindi, come uomo libero, sono orgoglioso delle parole Ich bin ein Berliner!». Quell'«io sono berlinese» divenne, come sappiamo bene, una icona, l'equivalente verbale del Guernica di Picasso o del poster di Che Guevara. Bene, ventiquattro anni dopo a Berlino sostò anche Ronald Reagan (un wewellista illustre) e anch'egli vi tenne un discorso. Che si concluse così: «Mister Gorbachev, tear down this wall!», signor Gorbaciov, butti giù questo muro! Altra musica: con le sue parole, molto belle, certo, Kennedy non era andato più in là dell'allusione, della classica antifona. Reagan, al contrario, indica il muro col dito, prende di petto il responsabile di quel muro. Non manda a dire al Cremlino: «Io voglio bene ai berlinesi». Dice al Cremlino: «Buttate giù quel muro». Ich bin ein reaganiner.

Paolo Granzotto

FALCE E MARTELLO: NOSTALGIA CHE DIMENTICA MILIONI DI MORTI

Leggo che "Il Manifesto" ha lanciato (sì, lanciatela, dalla finestra) una campagna per salvare il simbolo comunista (20 anni dopo la caduta del muro di Berlino..), che non ci sarà più neanche nei simboli dei partiti italiani (noi arriviamo sempre dopo...da bravi ritardati mentali...). I firmatari sono arrivati a duecento persone, gente tipo la Hack (la vecchia befana che ha sempre avuto la testa tra le stelle..), poi altri che di PROFESSIONE fanno: le femministe, la presidente nazionale del Movimento Identità Transessuale, uno che si qualifica "curva sud Cosenza calcio" (chi è che non sogna di fare questi lavori?), uno che fa "il partigiano", gran bel mestiere, e una radio che dice "il simbolo comunista ha un valore romantico: mi ricorda la mia infanzia, come l'ippopotamo dei pannolini" (ah quel simpatico animaletto ammazzava anche lui decine di milioni di persone?). Gente tosta eh, che non intende "abbandonare il progetto strategico di cambiare il mondo", dicono no alla cancellazione del simbolo perchè è un no "denso di futuro", "la falce e martello hanno sempre evocato un mondo nuovo, senza guerre e senza oppressioni. Il martello richiama la condizione operaia, la falce ricorda la schiavitù dei contadini, sono stati e rimangono i simboli universali del lavoro (di quei lavori sopra che fate voi?!), in essi si addensano i valori della libertà, dell'emancipazione, dei diritti, della dignità di tutti gli sfruttati" (per esempio gli sfruttati nella dittatura comunista nella Cina attuale che continua a fare migliaia di morti?). Un capolavoro. E com'è che se rappresenterebbe tutto questo "ben di Dio" che dicono questi atei, non esiste più? E' solo un piccolo particolare eh che il comunismo ha fatto un numero di morti enormemente maggiore del nazifascismo... E com'è che solo di contadini, il comunismo ne ha fatti fuori a milioni? E dice niente la parola "gulag"? Piatto tipico ungherese? Questi dovrebbero fare un giro nei paesi dell'Est e in Asia e non solo, in tutto il mondo, dove si può toccare con mano l'impegno del comunismo per affermare "i valori della libertà, dell'emancipazione, dei diritti, della dignità di tutti gli sfruttati"... Beati i comunisti che dicono di essere "dalla parte giusta della storia"...

L'Unità celebrava la morte di Stalin: "gloria eterna all'uomo che più di tutti ha fatto per la liberazione e il progresso dell'umanità". Completamente ubriachi e pippati.

Il pullman fantozziano di Veltroni

E dopo essere partito da SPELLO (nome non proprio beneaugurante...vi spello di tasse...), il pullman di Veltroni è stato subito tamponato, e stavolta pure multato... tutti segni della disgrazia che porterebbe all'Italia...


VELTRONI MULTATO DAI "SUOI" VIGILI, E IL PARTITO INSORGE

Chi di multa ferisce di multa perisce, ammaestra la saggezza evangelica. Walter Veltroni ad esempio, che dal Campidoglio aveva scatenato «multa selvaggia» spremendo i romani, ha trovato infine la sua nemesi. Il pullman verde sul quale s'è lanciato in campagna elettorale, ieri è stato multato. Indovinate dove e da chi? A Roma, proprio dai vigili urbani. Lui non era a bordo, tocca ai dolori del giovane Walter, esser sempre da un'altra parte nei momenti topici. Così la multa se l'è beccata l'autista, per ora. Ma grottesco è che sia insorto il Pd romano, contro i vigili e in difesa dell'inviolabilità veltroniana.
Veltroni sarebbe riuscito a non far stilare il verbale, se fosse stato a bordo? Pur se la domanda più intrigante riguarda gli effetti della multa, cioè se porta bene o male al magic bus del lungo viaggio verso Palazzo Chigi intrapreso dal leader del Pd. Il quale non c'era sul pullman verde con la scritta Si può fare - per i romani Se po' fa' - perché a Palazzo Marini stava presentando il suo programma elettorale. A bordo dunque, solo i giornalisti e alcuni della squadra veltroniana. Destinazione Ascoli Piceno, tappa di ieri, ove Veltroni avrebbe raggiunto l'autobus. Appuntamento per la comitiva del seguito sotto il famoso loft al Circo Massimo dove ha sede il quartier generale del Pd. Imbarcati gli ultimi ritardatari, alle 10 l'autista ha messo in moto. Sapete com'è il traffico a Roma in quell'ora e in quella zona, coi pullman dei turisti che s'affollano per raggiungere la Bocca della verità e i templi della Fortuna virile e di Vesta? Se non lo sapete, domandate al sindaco per quanto uscente.
Dunque il green bus aveva percorso lentamente un centinaio di metri scarsi, cercando di guadagnare il lungotevere e poi il raccordo anulare in direzione di Ascoli Piceno, era appunto all'altezza di Santa Maria in Cosmedin che nel portico conserva la Bocca della verità - un grande e antico tombino di fogna, invero - quando la verità s'è materializzata in due vigili urbani motociclisti che hanno affiancato il pullman facendo cenno di accostare. L'autista ha obbedito. «Patente e libretto», come da rito. Poi l'esame meticoloso di quanto occorre, il triangolo, l'usura delle gomme, le luci. I tutori dell'ordine cittadino hanno sollevato obiezioni sulle luci di posizione, che sembravano fendinebbia. Obiezione rientrata, le luci son risultate in regola. A bordo, gli uomini di Veltroni erano imbarazzati, i giornalisti ridacchiavano. L'esame è proseguito per dieci minuti abbondanti, con scrupolo. Alla fine i vigili hanno multato l'autista, 70 euro, perché era al volante senza cintura di sicurezza. «Ma sono appena partito, qui si va a passo d'uomo!», ha protestato quello. «Non importa, doveva allacciarla prima di muoversi. La legge è legge», gli hanno risposto inflessibili. L'autista ha preso il verbale, ha agganciato la cintura, e prima di ripartire s'è girato verso i passeggeri: «Questa multa la paga il Pd, perché è chiaro che quei due volevano multare Veltroni». Ma i cinque punti in meno sulla patente, restano all'autista o vanno a Veltroni?
Nel pomeriggio sono insorti i consiglieri regionali del Pd: «I vigili rincorrono facili scandali», ha tuonato Giovanni Carapella; «una parte dei vigili urbani sembra tralasciare le vere priorità», ha rimproverato Enzo Foschi. Avrebbero fatto meglio a tacere, perché Alessandro Marchetti del Sulp, un sindacato dei pizzardoni, ha denunciato che «se la multa tocca uno della "casta", eccoli tutti a far quadrato intorno al potente di turno». Mentre il comandante della polizia municipale di Roma ha sentenziato: «La norma è norma e vale per tutti. La polizia municipale non fa sconti».
Gianni Pennacchi - www.ilgiornale.it


calendario di marzo, Camila Morais, milanista

Maradona? Gli darei una racchettata

Finalmente il napoletano Potito Starace, tennista bravino, ha conosciuto il proprio idolo: Diego Armando Maradona. Era una vita che lo scugnizzo della racchetta sognava l'evento. «Sono sempre stato un suo tifosissimo (povero illuso...Maradona è il solito coglione, e anche stavolta lo dimostrerà...) - racconta dopo la sconfitta subìta a Buenos Aires ad opera dell'eroe di casa Nalbandian -. Addirittura, prima del match avevo raccontato ai giornalisti argentini che mi avrebbe davvero fatto piacere incontrarlo».

Accontentato. Per ben due volte. Starace ha incontrato il proprio idolo non appena scoccato il match, non appena dalle tribune un tamarro grasso e tatuato (MWAHAHAHAHAHA - tatuaggi di Che Guevara e Fidel Castro) ha cominciato a comportarsi come un pistone impazzito, su e giù rombando parole spesso irripetibili ad ogni errore o punto perso dal napoletano. «Mi ha insultato da inizio match e c'è voluto l'intervento dell'arbitro per farlo smettere - dirà Starace -; per un set e mezzo mi ha riempito di insulti. Già prima della partita l'arbitro si era accorto delle sue intemperanze, chiedendomi se volevo che lo facessi allontanare, ma ho lasciato stare. Però così Diego mi ha fatto perdere la testa; sono andato dal giudice di sedia e gli ho detto: o lo sbatti fuori o vado da lui e gli tiro una racchettata nei denti» (mwahahahahahaha).
Il secondo incontro fra Starace e Maradona è avvenuto nello spogliatoio. Al tamarro argentino era giunta voce di quanto quell'atleta italiano desiderasse «una foto con lui», fatto sta è entrato, ha salutato il connazionale vincitore, quindi si è girato in cerca dell'italiano che però, a costo di non fare la doccia, appena scorto il suo idolo ha imboccato la via d'uscita. Peccato, quella racchetta sui denti sarebbe stata un gran autografo.
notizia da www.ilgiornale.it

CALCIO A MANATE

Un'altra fantastica giornata di campionato... Nuova regola: a calcio si può giocare con le mani. Non è più rigore. Incredibili torti contro la Juventus in Calabria e contro il Milan per il Palermo - a cosa sono dovuti, alle varie mafie del sud? - (2 falli di mano in area a testa per Juve e Milan , totale 4, più il resto, altri 2 rigori per la Juve e uno inesistente per i calabresi al 93' minuto...), e poi cosa viene fuori? Che c'è il Palermo che addirittura si lamenta per robe inesistenti (Amauri è come svenuto improvvisamente...e il gol del Milan era regolarissimo...).
Lo stadio di Genova è il più inglese di quelli italiani (uno dei motivi per cui apprezzo la Samp), e l'Inter reduce dall'Inghilterra, contro la Samp a momenti perdeva... (allucinante il francese baluba Vieira che faceva le sceneggiate...e andava pure espulso...doppia ammonizione mancata...)
Quello che ha patito la Juve ha dell'incredibile, ma non hanno ancora raggiunto i torti del Milan... Tra tutte, l'Inter, dopo aver rubato spesso e volentieri, felice e contenta rimane prima...ma San Giuàn fa minga ingàn, ed è stata punita in Champions, e verrà punita ancora... Il fatto che in Europa l'Inter perda, è proprio la dimostrazione che lì gli arbitri non sentono nessun tipo di influenza, di sudditanza psicologica... (e comunque pure lì l'Inter è riuscita in un furtarello, c'era un rigore per il Liverpool, e un altro mezzo rigore a inizio partita, causato da Cordoba).

Ho sentito di un giornalista mi sembra di Telelombardia che ha chiesto con innocenza a Moratti: "Allora Moratti, adesso c'è sudditanza arbitrale a favore dell'Inter?" ghghghghghgh Quello ovviamente se n'è andato senza rispondere, incazzato. Quando ci sono persone che riescono a dire cose pesanti, ad accusare, con naturalezza, vedendo l'evidenza nelle cose, con sincerità estrema, insomma tutto come faccio io :)), le apprezzo molto :)). Perchè spesso non è questione di opinioni, ci sono tante cose che sono talmente evidenti che nasconderle sarebbe da fessi.

I francesi vivono di illusioni...

"Le altri parti del mondo hanno le scimmie; l'Europa ha i francesi. La cosa si compensa. Invoco il biasimo dell'Europa tutta per umiliare questi spudoratissimi fanfaroni * ".
(A.Schopenhauer)
*millantatori, contaballe, blagueur, ammazzasette


Che ci sia la destra o la sinistra in francia (rigorosamente minuscola), il loro tipico atteggiamento nazionalista è di illudersi che il loro sia il primo paese al mondo... Come diceva Schopenhauer (che ce l'aveva su coi francesi): solo dei miserabili babbei si attaccano alla nazione cui appartengono...

«La gastronomia francese è la migliore al mondo e deve essere consacrata dall'Unesco con la definizione di patrimonio dell'umanità»
, (mwahahahahahaha non sanno più a cosa attaccarsi... - n.d.P.G.) ha detto il presidente della Repubblica Nicolas Sarkozy inaugurando ieri a Parigi il Salone dell'agricoltura, annuale rassegna di mucche, pollami e prodotti dei campi. Siccome l'elettorato della «Francia profonda» è molto combattivo, tutti gli inquilini dell'Eliseo hanno sempre consacrato grande rilievo a questa manifestazione, che dura una settimana e richiama seicentomila visitatori. Nei suoi dodici anni di presidenza, Jacques Chirac ha trascorso giornate intere al salone, mostrando competenza nel discorrere di cereali e di razze bovine, senza risparmiarsi qualche battuta sul sedere delle «magnifiche mucche francesi», che le autorità di Parigi considerano le migliori del mondo. Stavolta - tutto fa brodo - non sono le mucche, ma le bistecche a provocare l'attenzione del nuovo Presidente, che ieri ha insistito sul fatto che nessuna cucina del pianeta Terra può (secondo lui) rivaleggiare con quella francese (e quella italiana dove la mettiamo? Metti che poi Carla Bruni non gli cucina più? Non sa che la cucina francese ha origine da quella italiana? Uno come lui di famiglia di immigrati dovrebbe conoscere queste cose derivate... Scommetto che considera francese ad esempio la maionese, ignorando la sua vera storia anglo-spagnola... - n.d.P.G.)
I tempi cambiano, le mucche invecchiano, ma i discorsi stile «noi siamo i migliori» continuano a risuonare negli immensi padiglioni della Porte de Versailles di Parigi, dove si svolge appunto il salone rurale. Resta da capire come potrebbe l'Unesco (ossia l'agenzia delle Nazioni Unite che ha sede a Parigi e che è competente nei settori della cultura, dell'educazione, della scienza e dell'ambiente) attribuire il suo Oscar alla gastronomia francese senza decidere un riconoscimento almeno analogo per altre cucine che - ragionando in modo obiettivo - non le sono certamente inferiori, come la cinese e l'italiana (che del resto le ha dato origine secoli fa) (ma sulla cucina cinese ho molti dubbi...per me è immangiabile...per non parlare dell'olio di soia...e tutto è a base di soia, pure il gelato... n.d.P.G.). La strategia di Sarkozy ha tempi brevi. Sempre nel suo discorso inaugurale, il presidente ha chiarito che i preparativi per la messa in orbita della candidatura gastronomica nazionale cominceranno immediatamente e che la domanda ufficiale all'Unesco verrà inoltrata al massimo nel 2009, nella speranza che la decisione finale possa giungere il più rapidamente possibile.
I sostenitori di questa iniziativa sentenziano che nessun Paese al mondo uguaglia la Francia per numero di ristoranti a tre stelle. Peccato che stelle e stellette vengano elargite da guide gastronomiche made in France o comunque palesemente influenzate in modo privilegiato dalla cucina francese. Oggi alcuni chef mettono in discussione i criteri di attribuzione di quel prestigioso riconoscimento da parte della Guida Michelin e delle sue più giovani consorelle. Due noti ristoranti francesi si sono rivoltati alla «dittatura delle stelle», affermando che alla fine si rischia di fare una cucina terribilmente costosa e lontana dalla gente reale. Dunque hanno buttato via le stelle acquisite (o acquisibili) e si sono messi a proporre un menù genuino a prezzi meno elevati.
De Gaulle amava dire che è difficilissimo guidare «un Paese con trecento formaggi», espressione ciascuno di un'identità locale. Sarkozy ha trovato la quadratura del cerchio. Decidere che quei trecento formaggi sono il meglio che il mondo possa mangiare e convincere le Nazioni Unite a certificarlo. Speriamo che i «saggi» dell'Unesco prendano la loro decisione a tavola. Magari in un buon ristorante italiano.
www.ilgiornale.it

Dialogo tra il Presidente della francia immigrato e il contadino:

(Sarkozy gli tende la mano per salutarlo)
contadino: Ah no! Non mi toccare!
S: Allora togliti dai piedi...
c: Non mi toccare che mi sporchi.
S: Casse-toi alors, pauvre con
(=Allora togliti dai piedi, povero coglione... pensavo che "casse-toi" volesse dire "cazzi tuoi" ghghghgh... "con" ce l'hanno in comune con l'inglese..)

Veltroni: "il comunismo porterà la libertà"

Ho sentito che quelli di "Amici" sono stati puniti per aver violato la par condicio, perchè cantavano gli slogan di Veltroni...l'ho sempre detto che quelli di sti programmi sono dei coglioni... Allora dedichiamo un'altra canzone a Veltroni:

Tu vuò fà l'americano, mmericano, mmericano
ma sì nato in Italy
sient' a mè nun ce sta nient'a fà...

Stavo considerando il personaggio "Walter Veltroni" (cos'è, un nome d'arte?). "Giornalista e politico italiano" (3 categorie che hanno una grande fama...), romano (altra grande fama....), figlio di un dirigente della Rai (altra grande fama...) degli anni '50, non ha mai frequentato l'università (strano, di solito loro sono degli intelligentoni scienzatoni laureatoni), è solo diplomato, in solo cinema, il mondo della finzione... Ha scritto libri sul cinema pieni di errori, dove è evidente che anche i film più famosi manco li ha visti... (clicca questo post: http://blogiornale.blogspot.com/2006/10/veltroni-cinefilo-o-cinofilo.html più sotto negli archivi). Da giovane ha fatto "il ribelle" comunista (e oggi smentisce di esserlo mai stato), appoggiando i terroristi baschi, e sfoggiando il classico odio anti-americano di sinistra (e oggi fa l'americano...), esprimendosi così: "il comunismo porterà la libertà" (il muro di Berlino poi è caduto quasi 20 anni fa, e la sinistra in Italia per ultima si è accorta, un po' in ritardo eh, da bravi ritardati mentali, togliendo le falci e martelli dai simboli solo adesso - o forse Bertinotti si è accorto di avere una villa di proprietà privata? Si sarà accorto che neanche lui, il portavoce del comunismo nostrano, riesce a realizzare le loro utopie da falliti?)
Poi, com'è che Veltroni era tra quelli coinvolti nello "scandalo affittopoli" (quasi tutti di sinistra), quelli con l'attico in centro senza pagare un cazzo, e tutto è finito a tarallucci e vino?
A proposito di ville... mi è venuta in mente la "ministra" dello sport Melandri, essendo un'incompetente totale (sembra proprio che odia il calcio...che invece gli italiani amano), o meglio detta una "succhiacazzi di neri", smentiva di andare alle feste del sinistro Briatore in Africa (feste proprio lì in ville alla facciazza dei poveri eh, che coglioni! Identica a Veltroni "il salvatore dell'Africa"...in vacanza alle Maldive), pur essendoci tanto di fotografie a confermarlo (cos'aveva da nascondere?). Guardate che il PD "il nuovo che avanza", il "corro da solo" (cioè Veltroni si fa una sega? E se poi ci diventa cieco?), ha sempre questa gente qui eh, Melandri, Fassino, Rutelli, Mortadella, D'Alema, ecc. ecc., gli STESSI (in più hanno una ragazza, ex fidanzata del figlio di Napolitano...ma guarda un po' che fatica trovarla...altro che meritocrazia...eh in Italia le cose funzionano così...andiamo avanti bene... Si chiama Marianna, capolista del PD, "signorina nessuno", "segno del cambiamento", oltre a essere ex fidanzata del figlio di Napolitano, è figlia di un consigliere comunale, amico di Walter, e assunta da Enrico Letta all'Arel ancora prima di essere laureata e lavora con Minoli in Rai).

Sono incazzato perchè vedo che si diffondono influenze, febbri, che mi sono preso anch'io, con conseguente caduta rovinosa, meningiti, malattie, ecc. per colpa degli extracomunitari, come hanno dimostrato (la meningite nostrana è arrivata dal Sud America). E noi dovremmo ammalarci per loro? Con l'invasione di immigrati grazie ai mortadelloni che ormai li voterebbe solo qualche deficiente? (in Italia ce ne sono un sacco)
Ultimamente sto notando varie donne-ragazze (già da giovani...mi fa pensare che siano delle sfigate) rapite dal "fascino dell'esotico", che vanno con gli stranieri, che vanno in vacanza ai Tropici, ai Caraibi, alle Bahamas, alle Maldive, insomma tipo Veltroni, per andare a prendersi gli uccelloni neri (non sanno che sarebbe uguale se vengono con me? :)))))), e pazienza eh se vedo che tornano con l'influenza o qualche malattia strana, tanto siamo noi che ci becchiamo influenze e meningiti (ma gli studi inglesi, le dimostrazioni scientifiche i sinistri le guardano solo quando gli fa comodo). E' già tanto quando non si portano l'immigrato in Italia tipo quella bruttona del Grande Fratello che si è presa il brasiliano, o l'interista Antonella Clerici con l'honduregno o da dove cazzo viene, tutti posti dove ballano la salsa der cazzo, direbbe quel simpatico romano sinistro trovato su YouTube. Il gufo a quelle donne augura l'Aids, come direbbero gli Oasis prima maniera. Ma senza augurare cose troppo cattive, so già come vanno quelle cose: perchè quei tipi lì sono dei farfalloni che cambiano donna come cambiano mutande (se le cambiano), e quelle donne si illudono addirittura di sposarli, magari poi quelli accettano pure, ma le scornificano appena girano lo sguardo (di storie del genere ne ho sentita una serie). Non so chi sia più imbecille tra quelle donne o questi tipi esotici, è una bella lotta, forse sono proprio fatti gli uni per gli altri.
Come quelli che sono spariti con l'aereo in Venezuela, il paese della dittatura comunista di Chavez, un paese-catorcio con aerei-catorcio...ma dove cazzo andate, statevene a casa vostra che ce l'avete, teste di minchia, vogliono fare Indiana Jones...


Veltroni, non laureato come D'Alema (che tirava le bombe molotov contro lo Stato...che idolo...), il Walter nella foto è il primo a sinistra (eh per forza... :) ha proprio la faccia da tipico compagno di classe stronzetto che non ti passa i compiti...ora ha copiato lui il programma...da Berlusconi e dal "governo" Prodi...


Roma - Sarà pur vero che a vent’anni «la gioventù sorride senza ragione». Ma certo, pure aggrappandosi ad Oscar Wilde, rileggere gli scritti di metà anni Settanta a firma Walter Veltroni una certa impressione la fa. Non tanto per l’antiamericanismo viscerale (E OGGI FA L'AMERICANO!!! YES YOU CAN!!! DAI CHE CE LA FATE!!!) o per le invettive sulla Dc, tutte cose che non potevano non appartenere a un giovane dirigente della Fgci che stava muovendo i primi e decisivi passi nel movimento. Né, a dire il vero, per l’elogio di Lenin, che pure fa a pugni con il Veltroni del new deal, quello che nel Duemila giura solennemente di non essere mai stato comunista.
Quel che colpisce di più, in verità, sono le costruzioni verbali e le immagini retoriche ripetute all’infinito, quasi ci si trovasse davanti a una delle tante e memorabili parodie cinematografiche di Nanni Moretti. Non parla di politica, infatti, il Veltroni che nel novembre del 1974 scrive il suo primo articolo sulla rivista Roma Giovani. Eppure l’eloquio è lo stesso usato da Michele durante l’ormai celebre partita di pallanuoto che fa da cornice a Palombella rossa. Tema della riflessione: «Una vita da cambiare: la droga». Con il futuro segretario del Pd che respinge la riduzione del fenomeno della tossicodipendenza «ad una presunta americanizzazione del modo di vivere dei giovani e degli studenti delle grandi città». Il punto è ben altro, perché il diffondersi della droga dipende da «una angosciosa situazione dove molti giovani sono stati cacciati dall’immoralità delle classi dominanti». (erano variazioni sul tema "è colpa del governo precedente"...comodo dare le colpe agli altri... n.d.P.G.)
I toni non cambiano quando l’allora dirigente della Fgci passa alla politica tout court, sempre in una serie di articoli pubblicati su Roma Giovani tra il ’74 e il ’76. Tutti o quasi raccolti nel pamphlet «Il compagno Veltroni» (edito nel 2000 da Stampa Alternativa), firmato con lo pseudonimo Ilya Kuriakhin ma documentatissimo. E via con una serie di vere e proprie perle. Come quando contende a Lotta Continua la leadership del mondo giovanile. «Il nostro ruolo - scrive - è nella capacità del movimento operaio di esercitare a pieno la propria egemonia su quei settori dei giovani delusi dall’esperienza estremista». Conclusione solenne: «Solo così sarà possibile recuperare alla milizia rivoluzionaria i giovani delusi dall’estremismo». Ma il Veltroni della Fgci è anche pronto a denunciare a più riprese «l’acquiescenza all’imperialismo» di quegli Stati Uniti che in età matura amerà follemente. E, dunque, grandi feste per i «compagni vietnamiti» che «hanno sconfitto la grande potenza americana». Con tanto di elogio di Lenin: «No, non ci sono scorciatoie. Lenin diceva che “la via della Rivoluzione non è dritta e selciata come la prospettiva di Newski”. I giovani questa via hanno già cominciato a percorrerla».
In linguaggio splendidamente morettiano, pure il proclama che segue le elezioni del 15 giugno 1975 che vedono una decisa avanzata del Pci. Scrive testualmente: «Orientare la spesso generica aspirazione al rinnovamento che è presente tra i larghi settori delle nuove generazioni nella direzione dell’adesione all’ideale della società socialista è già un compito dei giorni successivi al 15 giugno». Memorabile anche l’esaltazione del «fare politica». «Significa - scrive Veltroni - edificare mattone per mattone una società nuova e partecipare al progetto ambizioso della vittoria della rivoluzione proletaria in occidente, di quella rivoluzione che noi portiamo avanti e che tutti i giovani devono vivere». E ancora: «Il socialismo e il comunismo debbono essere il progetto di più alta realizzazione della libertà, di più grande valorizzazione del lavoro come forza motrice della storia».
Il Veltroni che oggi sposta al centro la barra del Pd lasciandosi alle spalle la sinistra della coalizione aveva le idee chiare pure sulla Dc. «Per svolgere un’opera di reale rinnovamento - scrive nel giugno 1976 - occorrerebbe che la Dc condannasse se stessa per il suo passato, per l’espulsione dei comunisti dal governo dopo la guerra, per aver venduto agli americani il proprio partito e il nostro Paese». Nel dettaglio: «Penso al viaggio di De Gasperi negli Stati Uniti e in sostanza all’asservimento della Dc (connivente con la guerra in Vietnam) e dell’Italia stessa al soldo ed al volere degli americani. È la storia recente della concessione delle basi Nato in Italia».

Adalberto Signore, www.ilgiornale.it

RIALZATI ITALIA

NON VINCETE MAI


Il capitano dell'Inghilterra ha affondato l'Inter.
(prima pagina del Sun)

LIVERPOOL-INTERNAZIONALE IMMIGRATI SINISTRA MORATTIANA
2-0, ovvero GODO
(+immancabile rigore non dato contro l'Inter, fallo di mano del francese Vieira)

Il Liverpool non è l'Empoli o il Siena o il Livorno...è finita la pacchia...
Qualche interista diceva che non si sentiva più in giro il coro "non vincete mai"...io non ho mai smesso di cantarlo...
La maga Stefanowa: "L'Inter va a Finale" (sì, a Finale Ligure).
Squadra completamente inesistente, possesso palla 70% contro 30%, 23 tiri in porta contro 3 neanche nello specchio... Ma per fortuna che ci sono gli interisti che dicono "la Champions è più facile del campionato"... E pensare che il Liverpool ha fatto una partita mediocre...e quest'anno non è neanche un granchè di squadra... Contro chi vorrebbe vincere l'Inter? Contro il Barcellona messo al top in finale? O contro il Milan campione d'Europa e del mondo? E com'è che "Ibra" poi non vince mai il Pallone d'Oro?
Solito "grande stile" di Moratti: non dà colpe ai suoi ma all'arbitro. Eh certo, il rigore che c'era per il Liverpool l'ha sbianchettato stile D'Alema&company. Magari vi avessero fatto un vero torto! Chi di arbitro ferisce... San Giuàn fà minga ingàn!
Adesso via con le scuse tipo la sinistra: e ci hanno espulso un giocatore, e quella palla era troppo rotonda, e i tifosi urlavano troppo, e gli inglesi erano troppo inglesi...
PERDENTI.

Moratti: "In 90 minuti si possono fare 15 gol".
Con l'Inter della Playstation? Povero illuso...

Soldiers make good targets

BUSH IL SALVATORE DELL'AFRICA

Mentre, soprattutto da noi, domina l'informazione di parte (sinistra), il mitico Presidente più votato nella storia degli Stati Uniti d'America, compie un altro grande successo.
Tranquillo Uolter Ueltroni, in Africa non stanno più aspettando i tuoi annunci di ritiro dalla politica per andare a salvarli...sanno che preferisci andare alle Maldive...
(a far vedere la tua bella panza elettrostimolata)

Forse non sanno chi è Barack Obama, idolo dei neri americani, che la nonna africana l’ha tenuta nascosta nel villaggio perché gli rovinava l’immagine della campagna, ma sanno di dovere la vita all’arcinemico dei democrats e dei radicali americani. Sono prostitute, bambini, poveri del Benin, della Tanzania, del Ruanda, della Liberia, del Ghana. Il loro salvatore si chiama George W. Bush, appena arrivato in Africa per un viaggio di cinque giorni, a verificare gli esiti di un investimento rimasto piuttosto segreto, o volutamente ignorato, che si chiama «President’s emergency plan for aids relief», è entrato nel suo quinto anno, ha salvato un milione di persone dall’Aids, viene considerato dagli africani una vera rivoluzione. Non lo abbiamo letto con l’enfasi necessaria sui giornali americani, perché c’è la campagna elettorale, altre sono le priorità, e la faziosità si taglia a fette. Figuriamoci da noi: l’Africa o è piagnona, vittima dell’imperialismo e bisognosa di Emergency, o non si porta, gli Stati Uniti o grondano sangue, o hanno la faccia di Hillary la cinica, e si salva solo l’aria molto yuppie di Barack, il Veltroni d’Oltreoceano.
Però un giornale inglese come The Guardian, che più radicale non si può, per loro anche Tony Blair era un servo della destra, lo racconta per filo e per segno, senza timore di alcuna accusa di piaggeria, perché è la verità. Il pazzo guerrafondaio, il cowboy macellaio, ha varato e realizzato il programma di aiuti sanitari più importante dalla fine del colonialismo. Di più, quei Paesi sono ormai quasi in grado di fare da soli.
L’inviato del Guardian lo spiega bene, soprattutto nella frase finale del reportage. In un affollato bar di Kigali, Linda, prostituta di ventiquattro anni, sieropositiva, spiega che aveva tanta paura di fare il test e scoprire che sarebbe morta in breve tempo. Ma i medici del programma le hanno spiegato di avere le medicine necessarie per curarla. Così ora sta bene. Chi ringrazia? «Gli americani, George Bush ci ha aiutato a vivere».
La posizione del Guardian è tanto più interessante perché segue a una polemica dei democratici americani, che hanno accusato il programma di essere troppo ispirato dai cristiano evangelici, di predicare l’astinenza e la fedeltà come metodi principali, mettendo l’uso del condom solo al terzo posto, e di essere affidato solo a operatori cristiani o cattolici. Dimenticano che le chiese sono luogo di raduno in quelle zone e che sono il veicolo più rapido di informazioni e di educazione.
Ma Bush, che raccolse l’idea dall’ex segretario di Stato, Colin Powell, che gliela presentò come una questione di sicurezza nazionale, ha dovuto in questi anni combattere e forzare il blocco soprattutto dei senatori repubblicani più conservatori, che non ne vogliono sapere di massicci investimenti all’estero. Il presidente ha pure invitato il Congresso a sostenere le iniziative nel settore sanitario, raddoppiando gli aiuti nella lotta all’Aids nei prossimi cinque anni, portandoli a 30 miliardi di dollari (20 miliardi di euro), e aumentando il sostegno al programma contro la malaria, che mira a dimezzare il numero dei decessi in 15 Paesi.
Nel discorso tenuto alla vigilia del viaggio, George W. non sembrava un presidente suonato, bolso, che aspetta solo la fine del secondo e ultimo mandato, come ce lo raccontano giornalisti disonesti. Un po’ perché tutti i presidenti americani cercano di essere degni dell’incarico fino all’ultimo, un po’ perché rivendicava un intervento e un successo nel miglior american style. Investitori e non donatori, nessun paternalismo, ma rapporti e richieste fra pari, pretesa di risultati misurabili. Come risultato, un’assistenza sanitaria che raggiunge il settanta per cento della popolazione di quei Paesi. Gli toccherà passare alla storia anche per questo all’uomo più odiato del West.
www.ilgiornale.it - Maria Giovanna Maglie

MEGLIO IN COMA CHE VELTRONI

Sono vivo per miracolo. Mo' vi racconto...vediamo se riesco a scrivere...io ho 7 vite come i gatti, e l'altro giorno ne ho persa una, come in un videogioco. Mi chiedo come ho fatto a riprendermi già, è un miracolo, solo io e Ronaldo riusciamo.
Il 15 febbraio San Faustino da bravo single-Bridget Jones, mi alzo dal letto single, con 39 di febbre, mi gira un po' la testa, ma vado in bagno a fare la pipì. Tutto funziona, senonchè poi vado in cucina per la spremuta d'arancia, in modo da ingurgitare le varie medicine, nonostante la gola in fiamme. Pensando di farcela a mettere lo zucchero nel bicchiere, faccio per prendere il DESTROsio, ma è proprio per l'improvvisa mancanza di quello dentro il mio corpo debilitato (succedono guai a perdere le robe destre...), è stato un attimo e puff! la pressione se n'è andata per i cavoli suoi, e sono crollato a terra a peso morto, tipo Ronaldo, picchiando violentemente la testa contro il pavimento. Sangue perso, per terra zucchero e sangue. Però almeno mi sono accorto di essere caduto (se ne sono accorti anche in cantina). Non è finita, perchè (credo di essere svenuto per qualche istante), ho subito cercato di rialzarmi (in mente avevo Silvio che diceva: rialzati Italia!) ma le gambe mi hanno fatto Giacomo-Giacomo e credo di essere caduto un'altra volta in corridoio perchè è lì che mi hanno raccolto col cucchiaino (anche per raccogliere il destrosio), cercando di raggiungere il letto, eroico. Non è ancora finita, perchè mi sono poi ritrovato le mani dritte tirate, senza poterle più muovere, credevo di rimanere così, e la bocca idem, senza poter parlare, oltre a un violento formicolio dappertutto.
Credevo di riprendermi da questo shock della botta in testa, risvegliandomi poi interista o di sinistra, ma per fortuna ho constatato che queste disgrazie ben peggiori non mi sono capitate, mi funziona tutto. Quelle brutte cose si prendono forse solo cadendo dal seggiolone da bambini (e infatti mi sa che io ero caduto, da classico "bambino di sinistra", poi sono guarito).
Ho passato 3 giorni d'inferno con dolori lancinanti, che dovrebbero essere finiti, mai stato così male in vita mia.
Adesso mi ritrovo come un gatto a leccarmi le ferite, con ammaccature dappertutto, la botta in testa non è stata una ma almeno 6 o 7, chissà se avessi beccato uno spigolo. E lividi potenti, sembro uscito da un autolavaggio, con al posto delle spazzole una squadra di rugbisti.
Questa è stata l'ennesima disgrazia dell'eredità di Prodi, il periodo più sfortunato della mia vita (la prima vita), non a caso è stato dimostrato che questa febbre e la meningite sono state portate dall'invasione di immigrati. Ma le dimostrazioni scientifiche i sinistri le guardano solo quando gli fa comodo... (perchè non le guardano anche quando qualche loro scienziatone "Premio Nobel" dimostra l'inferiorità della razza nera?)
E ora mi tocca sentire ancora Veltroni-Prodi che parlano di speranza (chi vive sperando muore cagando...gli italiani vogliono CERTEZZE, non speranze, imbecilli!) e parlano di "c'è voglia di vincere" (e anche voglia che vi levate dai coglioni), e di "si può fare" (ripetendo promesse non mantenute del 2006, soliti sinistri che considerano gli italiani un popolo di imbecilli, spesso è così infatti, loro ne approfittano), e di "andare d'accordo con tutti" (quando loro non vanno d'accordo neanche con Bertinotti e gli altri di sinistra, come sempre prima o poi divisi... dopo essere diventato un partito di destra, PD=Partito di Destra..., e aver fatto una brutta copia del programma del Popolo della Libertà - ho sempre pensato a Veltroni come il compagno di classe stronzo che non ti fa copiare e mo' invece copia lui?! - e inventandosi sondaggi di rimonta che non esistono - tranne su "L'Unità" di cui era direttore...giornale che viene ancora chiamato "il giornale dei Ds"...esistono?! (come Fassino qualche giorno fa, che scrivendo a Il Giornale si è firmato "direzione nazionale dei Ds"!!! ma allora esistono ancora?! E il PD?) -, l'Obama de' noantri adesso si mette a parlare di "volemose bbene"... Fallito!), e pure scandalizzati per reiterazioni di reati di criminali (proprio il loro "governo" che ha dato l'indulto..).
Piuttosto che sentire quelli lì, era meglio stare in coma.
IO HO VISTO NELL'ALDILA' ghghghghgh E' SILVIO IL SALVATORE
(mi ha detto: alzati e cammina :))))

Su Veltroni che predica il dialogo e la pacatezza:a me fanno proprio specie quei personaggi tipo lui che proclamano la tolleranza, la pace con tutti (anche lui parla un po' come un prete eh, tipo il Mortadella), e in realtà non vanno d'accordo neanche coi loro simili, figuriamoci con me che gliene direi di tutti i colori. E mi capita spesso di trovare persone sinistre scandalizzate, dire robe tipo "ah quelli di destra sanno solo insultare!"

1) se qualcuno di destra insulta i sinistri, fanno solo bene, mi unisco anch'io, imbecilli!
2) non tutti i destri insultano, di solito vengono attaccati, e con accuse assurde campate per aria, d'altronde provengono dai sinistri, che vivono nell'irrealtà
3) considerano insulti anche robe tipo "imbecilli!", quando a sinistra l'insulto e la minaccia (spesso di morte) è pane quotidiano, come niente fosse
4) meglio insultare sapendo di farlo, che proclamare i "volemose bbene" scannandosi poi anche coi propri simili


SOLITI INTER(t)RISTI VERGOGNOSI

Ho letto che i tifosi dell'Inter hanno sfottuto Ronaldo, infortunatosi contro quei portasfiga sinistri del Livorno, cantando "Ronaldo salta con noi", "il Fenomeno che non gioca più", "il ginocchio di Ronaldo non c'è più" e poi insulti volgari. Come per la sinistra, niente di nuovo, è la solita anti-sportività degli interisti, come quando raccontavo il comportamento dei loro giocatori in varie occasioni. Stavolta non manca solo la sportività, ma proprio l'umanità, per un campionissimo come ne nascono raramente, che ha regalato gioie soprattutto a loro.
Se Moratti fosse davvero un onestone, si unirebbe a quegli elementi, visto tra l'altro che ha apertamente mandato più volte Ronaldo a cagare davanti a tutti.
E dopo tutte le ladrate dell'Inter di questi mesi, adesso arriva la Champions...il gufo vi aspetta al varco...
Viva il Liverpool! Viva i Beatles! :)

"Sì, io sono presuntuoso perchè io dico la verità".
(Roberto Mancini, allenatore Inter)

Oh grande signore onnipotente, svelaci anche il futuro, illuminaci tu, dicci anche se l'Inter farà strada in Champions...ehehehehe... Imbecille.

C'è chi ha la febbre ma ragiona, c'è chi non ha la febbre ma sragiona:

"Se non ricordo male in Champions non abbiamo mai perso"
(Julio Ricardo Cruz, attaccante argentino dell'Inter)

mwahahahahaha ricordi proprio male, caro ragazzo... ma cos'è diventato, un classico politico di sinistra che usa lo sbianchetto? Avete perso persino nei gironi, in Turchia... caliamo un velo pietoso sugli anni precedenti, usciti 2 volte nel derby col Milan, il secondo per 2-0 e 3-0 a tavolino grazie gl'intelligentoni tifosi interisti, più le squadrette varie... 'Sti interisti ormai sono rincoglioniti dal loro presidente onestone sinistro, vedono una realtà che non esiste... Poi il fatto che in tutti questi anni abbiano speso sempre un sacco, la squadra che ha sempre speso più di tutte, abbiano fatto di tutto, inter-cettazioni Telecom comprese, per riuscire a vincere, mi fa pensare che ci sia sotto qualcosa anche in tutte queste ultime ladrate...

PD = PRODI


www.krancic.it

La sinistra, ormai certa della prossima sconfitta, mantiene il Mortadella (ennesimo errorraccio d'immagine) per scaricare su qualcuno le colpe della disfatta di aprile (perchè perderanno di sicuro, nonostante l'altrettanto sicuro tentativo di mettere in campo i loro mezzi: brogli, Rai1-Rai2-Rai3, e gli altri canali Rai sul satellite, sindacati, Confindustria, Corriere della Sega, Repubblica, Stampa, Messaggero derrRoma, intellettualoni, i loro nani (Maurizio Costanzo e simili, mica c'è solo "Silvio il Nano"), ecc. ecc., il tutto almeno per attenuare la sconfitta).

Ipse dixit ieri sera:


"Prodi è stato un OTTIMO premier".
(Walter Veltroni)

Come si fa a dire una boiata del genere? Niente di nuovo dalla sinistra: solito ribaltamento della realtà, negazione dell'evidenza. Un anno e mezzo sull'orlo del baratro, gente incazzata nera, persino quella che l'aveva votato, un "paese impazzito" dove niente ha funzionato.
E c'era un telespettatore oggi che si lamentava perchè "in tv mettono sempre la faccia di Veltroni vicina a quella di Prodi, altro che conflitto di interessi"... Ma che cazzo dice? Certo poi che se Veltroni dice robe come questa sopra, e il fatto che il PD è invenzione di Prodi, e lui è l'attuale presidente, se li mettono vicini qualche volta non c'è proprio niente di strano!

Ieri ho visto Matrix... c'era un tipo intervistato, si vedeva che aveva qualche problema, e ha detto che all'estrema destra lo hanno aiutato, a sinistra invece no... Poi un immigrato di colore, simpatizzante della Lega Nord... Non si scopre oggi che è la destra ad aiutare i poveri Cristi...

Casini non capisce mai una mazza eh...c'ha manie di protagonismo... mi ricordo quando Silvio gli diceva del "vitello grasso" e quello là non aveva capito niente e si era pure offeso, che rincoglionito... Nel frattempo Uolter Ueltroni "corre da solo" (te credo, con gli altri sinistri-sinistri non va d'accordo), MA ANCHE con Di Pietro... (come se poi "correre da solo" significasse davvero da solo... dietro il PD ci sta un teatrino allucinante di personaggi sinistri a dir poco squallidi...)
Rispetto al PDL-Popolo della Libertà, al PD mancano molte cose, già una nel nome...la L, la Libertà.

SIA RINGRAZIATO IL CIELO CHE CI SIAMO TOLTI DI DOSSO CASINI E MASTELLA!!!



Veltroni e il "modello Roma"...

www.ilgiornale.it

Niente di clamoroso al Cibali: l'Inter continua a rubare

Ennesima ladrata dell'Inter... Ridicolissimo Mancini che si è messo a litigare tipo bimbi dell'asilo - le bugie che dici tu! - no, le bugie che dici tu! - iniziando per primo Mancini dicendo "le balle che racconti" e "fai il burattino", sostenendo che siccome Franco Ordine scrive su Il Giornale e il programma su Italia 1 è di Mediaset, allora difendono solo il Milan... Dopo tutti i furti dell'Inter da mesi, la giusta punizione arriverà in Champions League, e io gufo riderò...
Mancini non un allenatore ma un fighetta come Cristiano Ronaldo.
Portoghese che oggi è stato punito (dopo l'Italia-Portogallo 3-1 in settimana), con la vittoria del City nel derby di Manchester, e lui sempre il solito: sceneggiate, lamentele, sempre per terra, non un giocatore ma una fighetta. Terzo gol sfiorato per almeno tre volte (tra cui uno clamoroso dell'esordiente nel City, Benjani), gol della bandiera dello United nel finale, nell'anniversario della tragedia di Monaco '58. Derby vinto alla facciazza della Gazzetta, che in settimana titolava "l'Arsenal travolge il City, ora tocca allo United" (infatti negli ultimi anni lo travolgiamo quasi sempre noi..). Era dal 1974 che non espugnavamo l'Old Trafford (l'ultima retrocessione dello United, con invasione e incidenti), e dal 1969-70 senza la doppia vittoria andata e ritorno. Gli azzurri hanno dominato i rossi per l'ennesima volta. Motivo della vittoria: al pub non c'erano gli irlandesi portasfiga come l'altra volta, ma gl'inglesi, a vedere il rugby. Noto che tra i tifosi dello United e dell'Arsenal ci sono sempre extracomunitari... In settimana Capello non aveva fatto giocare il mitico azzurro del City, Micah Richards... (rinnovato il contratto fino al 2013 proprio dopo l'esclusione dalla nazionale), il rosso Wes Brown dello United al suo posto era stato scandaloso...buchi, erroracci, in fase difensiva è stato orrendo... Proprio prima del derby day...
www.oasisblues.com

VELTRONI, IL NUOVO CHE AVANZA

www.panorama.it - www.forattini.it

Sì, avanza verso l'Africa, con questa zattera a forma d'Italia... Lui era quello che diceva di DOVER RITIRARSI per "salvare l'Africa": in vacanza alle Maldive...


Il "rialzati Italia" di Silvio ovviamente è stato criticato da Uolter Ueltroni, dicendo che non è l'Italia a doversi rialzare ma la politica... eh certo, come al solito se la sinistra è stata incapace, allora tutta la politica è incapace, ma certo... soliti vanitosoni piacioni... le tasse, i prezzi alti, ecc. ce l'ha avute l'ITALIA, non i politici, imbecille! E chi l'ha detto poi che qualcosa di "nuovo" come dice di essere il suo PD, sia per forza qualcosa di buono?! Al contrario, il nuovo è rischioso...potrebbe persino essere peggio del vecchio... chi lascia la strada vecchia per quella nuova, sa quello che perde, ma non sa quello che trova...

C'è il Mortadella che ha detto di lasciare la continuazione a Veltroni, alle "nuove generazioni", al "nuovo che avanza", perchè "deve esserci qualcuno a farlo", lasciando capire che dovrebbe fare lo stesso Berlusconi. Peccato che Veltroni sia in politica da oltre 35 ANNI, Berlusconi da neanche 14. Veltroni ha fatto: il giovane comunista pro-terroristi baschi, il deputato, il direttore de "L'Unità", il vicepremier, il ministro, il leader Ds, segretario della Quercia, il sindaco... (si può riassumere il tutto con una parola: ha fatto il pirla). Un po' instabile eh, non ha ancora trovato il posto giusto... forse quando diventerà grande... Però niente politica eh, lui è uno nuovo, un verginello della politica.
Il Mortadella ha pure sottolineato con la voce che lui NON si candida.. mwahahahahaha
Porca miseria, e io che ti volevo votare! Non ne fai mai una giusta, imbecille!
E, dopo aver inventato il PD (grazie Morta!!! Come faremmo senza di te!!!), all'ultimo incontrato internazionale ha detto che (dopo il suo "governicchio" di quasi 2 anni sull'orlo del precipizio), in Italia lascia "UNA BELLA EREDITA' " mwahahahahahaha
Ci voleva un'altra bella figura di merda finale.
Quest' "uomo" può proseguire nella sua carriera da comico...
Trovo incredibile che ci sia gente ancora disposta a difendere Mortadella (forse mossi da interessi personali...), e altrettanto impensabile votare sinistra, se non mossi da sado-(tom)masochismo Padoa Schiappe... Il bello è che continuano a illudersi, a loro non importa essere al governo o no, l'illusione è continua, persino quella di vincere le elezioni... Conoscendo il "grande" popolo italiano, capisco le loro illusioni...

un film già visto...


www.krancic.it

dai che ce la fate!

E' SOLO MAQUILLAGE...

Veltroni ha detto che l'unione Silvio+Fini è solo maquillage... lui è raffinato, usa termini francesi... Sì, il maquillage che si è fatto lui colorandosi di nero la pelle, rubacchiando gli slogan di Barack OSAMA... Ma lo sa che Obama è contro i comunisti e gli ex comunisti? E proprio la classica sinistra americana userebbe slogan americani? Lui dice che "corre da solo"... (non lo sa che poi si diventa ciechi?). Tra l'altro, come si fa ad avere come simbolo, dei democratici, un ASINO? Autoironia? Come dice Crozza: Obama invece ha copiato Veltroni: "aò mo' so' cazzi" ghghghghgh

democrats dumbass, teste di minchia d'asino

L'eredità.

www.ilgiornaledellaliberta.it

pagliacciata di carnevale di razzisti spagnoli


E dopo il razzismo in Cina verso Lewis Hamilton, il pilota inglese della scuderia inglese McLaren, è stato ancora bersaglio di sfottò razzisti da parte dei tifosi spagnoli di Alonso... (scuderia francese della Renault del sinistro Briatore). Che quindi quest'anno verranno puniti col trionfo del più grande pilota esordiente di tutti i tempi. Tra l'altro hanno scritto "FAMILLY" con due L, da "familla" in spagnolo, che gnurànt... La Fia ha annunciato pesanti sanzioni se questi fatti dovessero ripetersi una seconda volta, compresi l'annullamento delle 2 gare in Spagna e multe per la scuderia francese. Episodi di razzismo o violenza in Formula 1 sono molto rari, tutt'altro mondo rispetto al calcio, gli spalti dei circuiti sono affolatissimi anche da 100-150 mila spettatori mischiati, tifosi di diverse squadre o piloti. Negli anni in cui la McLaren dominava con Senna, i tifosi della Ferrari erano stati protagonisti di una sassaiola contro la grande scuderia inglese.


buon Carnevale


Grandissimi i toscani che hanno fischiato la morte della mamma di Berlusconi (più un petardo esploso verso i tifosi milanisti...fosse stato Livorno-Milan tiravano una bomba?)... tipici toscani, soliti grandissimi coglioni comunisti... Purtroppo ho avuto più volte occasione di conoscere toscani, che hanno dimostrato questi atteggiamenti sinistri... (naturalmente poi tutti dicono "che simpatici i toscani!"...come quelli che dicono "che simpatici i romani!", "che simpatico Veltroni!" Tutti "piacioni"... Se sono così quelli che "piacciono", preferisco non piacere a nessuno). Stiano tranquilli che morirà pure a loro la mamma... Solita inciviltà italiana... solo che io non farei mai una cosa del genere neanche per la persona che odio di più al mondo... (il fatto è che non ci sono persone che odio davvero...). Ma loro invece, beati loro, sono "antropologicamente superiori", quindi hanno istinti bassissimi, compresa l'invidia, e non possono far altro che dimostrare quanto sono animali. Da vergognarsi di essere italiani, altro che "Toscana orgoglio italiano". Gente che non merita di aver avuto nella propria terra splendide eccezioni come Montanelli e la Fallaci (peraltro anche lei sinistra, ravvedutasi).
Risultato: al minuto 77 la signora Rosa Bossi Berlusconi dall'alto fa segnare Pato, e il Milan punisce la Fiorentina.
C'è quella maga Stefanova di Telelombardia che aveva previsto "4 gol di Pato" in questo campionato... appena ha fatto il quarto, si è fatto male di brutto. Maga porta rogna...

Quando i comunisti non sanno più come insultare Berlusconi (ovvero dopo avergli dato del nano, mafioso, ecc., tutte robe acculturatissime... quando poi "uno ti insulta per i tuoi difetti fisici, è l'ultimo rifiugio delle canaglie, lo scherno degli squadristi, dei brutti dentro " - citazione di Filippo Facci, che è un "bello", notare), poi vanno a ripescare citazioni di Montanelli, di quando ha litigato con Silvio. Molto significativo che dei comunisti vadano a citare un fascista...

Dopo che per mesi il "grande" inviato della Rai Carlo Paris ha parlato di "vergogna di Milano" per i fischi all'inno dei francesi che avevano insultato gli italiani per settimane, gli verrà mai l'illuminazione di parlare di "vergogna di Firenze"? Campa cavallo...

Se vi raccontasi tutte quelle che leggo in giro... altro che i fischi alla madre di Berlusconi... quelle erano carezze... Insulti irripetibili da parte di romani... mai visto gente così incivile quanto i comunisti, e il bello è che predicano la tolleranza e la civiltà...arrivano a parlare addirittura di "coerenza"...

La giornata ha offerto le solite perle calcistiche: un altro rigore inesistente dato all'Inter...che novità... e il Totti-bambino dell'asilo (si faceva proprio così da bambini) che cerca di prendere il pallone a pugni addosso a uno, Roma punita 3-0 contro una squadretta toscana... Le ladrate dell'Inter non si sono limitate al rigore inesistente: c'era un altro rigore per l'Empoli (mano di Cambiasso) e il rigore battuto dall'Empoli andava ripetuto, perchè Maxwell entra in area prima del tempo ed è decisivo sulla ribattuta del portiere. No comment sui "francesismi" di Vieira, dovrebbero espellerlo sì, dall'Italia.
Il presidentone onestone telecomunista Moratti non ha trovato di meglio che andare a rivangare calciopoli, il piccolo particolare però è che l'Inter avrebbe perso anche senza calciopoli (l'anno del 5 maggio è arrivata terza, non seconda), e chissà come mai in Europa perde sempre contro squadrette, e lì non c'è calciopoli. Se adesso c'è pure la Gazza-Rcs che li attacca, l'Inter è proprio arrivata alla frutta...
Visto che al Presidentone piace tanto rivangare il passato, ne possiamo trovare a iosa, ad esempio: come mai quando ci sono state le indagini alle società, lui si è defilato dalla presidenza ed è tornato presidente soltanto dopo?

La Microsoft si illude con Yahoo

Ma cosa vuol combinare la ridicolissima la Microsoft-Msn-Rcs 5%-Corriere della Sega-Inter, dopo tutti i casini irregolari che ha ancora in ballo con l'Ue, vuole comprare Yahoo, gli brucia essere indietrissimo nei motori di ricerca, con Google che fa il 70%, Yahoo il 20% e Msn il 7%, quindi arriverebbe neanche a metà di Google... E' una specie di accanimento terapeutico quando hanno già perso e rimarranno perdenti per decenni. Sembra proprio la storia dell'Inter, che si illude comunisticamente :) di vincere comprando qualcosina dagli altri...... (e il meglio è già da un'altra parte, incedibile). L'unico modo che hanno di sconfiggere Google è accusarla di evasione fiscale come adesso, tra l'altro i soldi che vengono fuori dalle pubblicità di Google Italia se li ciuccia l'IRLANDA, dove le tasse per le imprese sono quasi zero e lì sta il quartier generale di Google Europa...
Ho visto che Yahoo, accusata di essere complice del regime comunista cinese, mette le pubblicità politiche all'interno delle caselle mail... per la precisione il Partito Socialista... wow, Yahoo sempre più cinese...sempre più interista... è prontissima per passare a Microsoft...
Finche saremo in vita noi, Google da Mountain View - California, dominerà...

Le regole di un buon comunista

Oggi ho trovato su YouTube una serie di personaggi sui 18 anni circa, specialmente romani, che si fanno chiamare Ernesto Guevara e simili, che orgogliosamente mostrano a tutti le loro "regole", ammirate qui sotto.
Ovviamente dire che "non rispettano chi la pensa diversamente" è un eufemismo... si scambiano centinaia di messaggi di minacce, insulti, ecc., quindi crollano già in partenza le loro utopie di "tolleranza"... sono dei malati di ideologie fallite... Questi canali andrebbero cancellati, perchè fomentano un odio addirittura "ragionato", se di ragione si può parlare... Contro persone che sono "fasciste" solo nel loro cervello malato... Ma forse meglio lasciare così questi "canali", a dimostrare la loro ignoranza abissale... (se ci fosse ancora bisogno di dimostrarla).
E se questi sono anti-fascisti, e uno può essere d'accordo con loro, quindi sono contro anche i terroristi islamici, la gente che odia Israele, quindi contro molti comunisti stessi ?
Il concetto di "fascismo" è un po' cambiato eh...

Qualche esempio:

MI PIACE YOUTUBE PERCHE POSSO INSULTARE PERSONE CHE CREDONO E AMMIRANO:IL FASCISMO,LA DESTRA,IL CENTRODESTRA,IL CENTRO,IL PAPA E VATICANO,GIGI DALESSIO,LA LAZIO E I LAZIALI,PADRE PIO E VARI SANTI,TAMARRI CON LE MACCHINE RIBASSATE,PALESTRATI,AMERICANI E FILOAMERICANI,QUALSIASI TIPO DI CULTO.

CANALE DOVE I FASCISTI O ALTRE SOTTOSPECIE DI STRONZI LASCIANO INSULTI E LAMENTELE,NATURALMENTE BEN GRADITE,LASCIATE ANCHE BOZZE DI INSULTI DA MANDARE,BESTEMMIE DA VOI INVENTATE.NATURALMENTE PARLO SERIAMENTE SOLO CON: COMPAGNI , ATEI , ROMANISTI , GIOCATORI E AMANTI DEL RUGBY , PILOTI E AMANTI DELLE MOTO , BELLE FIGHE , FUN DI ELIO E LE STORIE TESE , CAZZONI INGUARIBILI , PERSONE CHE ABBIANO PESTATO UN FASCISTA O UN FACENTE PARTE DEL CLERO ,ASSUNTORI DI DROGHE LEGGERE , FUN DI NONNO FIORUCCI MARIO MAGNOTTA E MOSCONI.
ANTIFASCISTA FINO ALLA MORTE ,DIPENDESSE DA ME X I FASCISTI L'IMPICCAGIONE PUBBLICA NELLE PIAZZE ITALIANE,AMO YT XCHE MI CONSENTE DI INSULTARE :I FASCISTI,LA DESTRA,IL CENTRODESTRA,IL CENTRO,IL CENTROSINISTRA,GIGI DALESSIO,PAPA PRETI E SUORE,TAMARRI CON LE MACCHINE RIBASSATE E ALETTONI,LAZIO E LAZIALI,AMERICANI E FILOAMERICANI,FORZE DELL'ORDINE,MILITARI,ULTRAS,VA RI PERSONAGGI DEL MONDO TELEVISIVO,
Country: Italy
Occupation: CAZZONE
Companies: DE LI MAGNACCIONI
Interests and Hobbies: DROGA , ALCOL , PORNOGRAFIA , PESTAGGIO E TERRORIZZAMENTO DEL FASCISTA , COLLEZZIONARE (notare le due Z, sul resto neanche c'è da correggere...caso patologico ormai perso...) DENTI DEI FASCISTI , SCHERZI AI PRETI
Films and Shows: FILM PORNO,FILM DOVE I FASCISTI MUOIONO
Music: MUSICA SACRA (dopotutto è un bravo ragazzo eh...)
Books: SACRE SCRITTURE,IL VANGELO VERO,IL VANGELO NON VERO,LA BIBBIA,LA BIBBIA CON LE FIGURE E DA COLORARE,LA BIBBIA PORNO
(perchè non anche i libri da colorare per i bimbi?)

(e brilla una genialata tra le tante):
i comunisti non hanno mai ucciso nessuno,stalin santo subito
(è come quando negano l'Olocausto, la storia se la inventano loro...prosegue la tradizione comunista della storia nelle loro fantasie... Peccato solo che il comunismo ha fatto un numero di morti enormemente maggiore persino del nazifascismo, ma sono solo piccoli particolari eh... Beati loro che dicono di essere "dalla parte giusta della storia"...)

(a cui risponde uno):
100 milioni sono il dato reale!!!
20 milioni nell'URSS+65 milioni in Cina+1 milione in Vietnam +2 milioni in Corea del Nord+2 milioni in Cambogia+2 milioni nell'Europa dell'Est +150mila in America Latina +1e700mila in Africa+1 e 500 mila in Afghanistan = 95 milioni e 350 mila morti...e questi sono dati aggiornati a 10 anni fa...
Ti brucia la verità??????


le regole di un buon comunista
1) con i fascisti non si parla, ma si fa solo fuoco con loro
2) se incontri un fascista per strada salutalo nel modo più giusto al mondo (un calcio nel culo)
3) se ti trovi per sbaglio in una manifestazione di azione giovanile o merda varie vai sul gruppo comapgni e black bloc e organizzali
4) non bannare i fascisti almeno su YT lasciamoli liberi di parlare se no si offendono
5) se ti offendono non contracvcambiare l'offesa loro ne sanno molte di più di noi infatti sono bravi solo a parlare

Ma dai...ho sempre visto solo comunisti bravi a parlare solamente... Quindi se tipi come questo non parlano, 1) cosa parla a fare e 2) anzichè parlare, probabilmente si diverte a "fare solo fuoco"?

Con tutte le ragazze sono tremendo


ciabatte in cervo e cachemire (CASHmire)


Ma... sa' fui mì ai don? ghghghghghghghghghgh
(traduz.per i non milanesi: cosa faccio io alle donne?)

ALTRE PERLE del meraviglioso Roberto Mercandalli (queste foto, anche con le ciabatte di cervo&cachemire...le sue di ciUervo e CASHmere..), è nato l'8 MARZO guarda caso proprio la festa della donna ehehehehe

"NO BUSINESS NO MONEY...IL SOLDO NON DORME MAI !" ...te capì? :)))
(è un grande, è un idolo, è un mito)

"Non c'è una donna che voglia, che io non ho"
ghghghghghgh

"Va che se voglio farti innamorare, ci riesco..."

(ubriaco, fa il seduttore con la birra in mano) "...un po' ti amo.. provo amore... ciao bambola..."
ghghghghghghgh

"Con le donne il successo è ESAGERATO !!!"

"Io da bambino sono sempre stato inappetente!"
Anch'io!!!!

"gliela sbranerei via coi denti quella tutina rosa alla Fico!!!"
(Raffaella Fico la gnocca, l'unica che non ci sta con lui...............quindi sarà sicuramente l'unica che gliela darà ghghghghgh)

"Posso dirti chi mi intriga seriamente.... Nadia...
Mi perderò nei tuoi occhi..
Busserò alla porta dei tuoi occhi, Nadia, un giorno..
Solo che per ora ho trovato molto chiusa la porta..
Ho cercato la chiavetta, ma non ho ancora cercato..
Ma una chiave la trovo..."

gianfilippo sbatte in acqua il roby
il roby: ma l'hai fatto apposta??
gianfilippo: ma va....sono un signore
il roby: no sei un pirla!!!!!!!!!!
......uè te me fà borlà giò......

E una perla della madre pugliese, gelosissima del marito:

"quando usciamo di qua mi devo fare un LIFFITINGHI..."
muahahahahahahahaaaaaaahhh grande!!!!!!!!!!!!


I love San Gennaro :)


pulizie eleganti


calendario di febbraio, Camila Morais, brasiliana milanista