NON FATE L'ADSL VODAFONE

Waterfone
(comunicazione "di servizio"...sì, servizio inesistente che i clienti pagano)
Ne avevo già scritto, è una linea inaffidabile che dà un sacco di problemi di connessione e vi lascerà "a piedi" senza internet anche per giornate intere (immagino quelli che ne hanno bisogno per lavoro, saranno doppiamente incazzati), questa "Vodafone Station" è una grandissima fregatura. D'altronde lo si poteva intuire dai personaggi che la pubblicizzano: l'Adsl Vodafone funziona come il cervello di Francesco Totti e DJ Francesco.
Se l'avete già e funziona (ma c'è qualcuno così?), fate comunque la disdetta perchè vi lascerà senza internet quando meno ve l'aspettate (stesso discorso per la "chiavetta Vodafone", la internet key per il portatile).
Ci sono problemi anche sulla linea del telefono fisso, una situazione del genere nell'anno ormai 2010, è inaccettabile.

big boo for Obama, the saviour of the Universe


Obama for the Nobel Physics Prize


Barack Obama Nobel prize for Peace??!! mwahahahaha
This is not reality but cinema.
Rumors say he will win also an Academy Award in Hollywood...
For Peace this man erased the news against dictatorship in Cuba and the quotes by Martin Luther King, etc., put by Bush... even Bush deserved more the prize...

Ladies & Gentlemen: the saviour of the Universe!
summer 2009: beginning of the end for the Messiah

and this was made June 2008........... Barack Flash Gordon Obama, saviour of the universe, in a flash! Bush governed for 8 years, the most voted President in history, Obama after 8 months is already under 50%...

LMAO !! I wonder if he's alive or embalmed. My poor grandmother always said: do not trust people who laugh only in 1 way. Well here he's smiling, but not very different... ^_^ that's exactly the face I have on my mind when I think about an "idiot face"...

black-out Vodafone

E dopo la Telecom, la Wind, Facebook e Twitter, anche la Vodafone ha avuto il suo bel black-out... Tutti inaffidabili. Guarda caso proprio in coincidenza con Milan-Juventus... Vodafone interista! Gli interisti sono passati da Tim a Vodafone ahahaha Non si è potuto quindi guardare la partita su internet, perchè la connessione andava e veniva a inter-mittenza ahaha fino a non funzionare proprio, per diverso tempo, pare anche tutta notte. Persino le chiavette per i portatili. M'immagino chi aveva bisogno di internet per lavoro, quanto abbia smadonnato. Ho fatto diverse telefonate: quella calma, quella incazzato nero (perchè "la telefonata è registrata"...registra registra) e quella per chiedere la procedura di disdetta. Gli operatori, evidentemente degli sfigati che hanno messo a lavorare a metà agosto, parlavano con una calma olimpica... in altre parole: se ne sbattevano. Anche dicendogli che facciamo disdetta. Bene, presi in parola. "Ah il problema sarà risolto in 24 ore, va bene?" ... va bene un cazzo! Chi è che paga? Come possono lasciare la gente senza internet nel anno 2009? A un certo punto poi un messaggio automatico diceva di guardare su internet..... eh certo! Col computer collegato al forno a microonde! Che serietà... La gente paga e il servizio che offre la Vodafone è quello dei servizi nel senso dei cessi: fa cagare. Cambino nome: Vadafanculo.
Nel frattempo la Telecom si è presa l'ennesima multa: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=374690

Obama is hated 400% more than Bush

Non è stato in discesa per Barack Obama il primo compleanno da presidente degli Stati Uniti. Clou della giornata politica è stato il pranzo alla Casa Bianca con i senatori dello schieramento democratico per parlare soprattutto di riforma sanitaria, ma a caratterizzare la giornata di ieri sono stati soprattutto gli attacchi dei suoi nemici più irriducibili. Attacchi personali e attacchi politici, ma in ogni caso attacchi che più che alla realtà delle cose hanno puntato sul sospetto, sulla pancia degli elettori statunitensi. E così, a Los Angeles, Obama improvvisamente è diventato Joker: cerone bianco, sorriso disegnato col rossetto, un novello Heath Ledger, il nemico di Batman, in una miriade di poster che hanno ricoperto le rampe delle autostrade della città degli angeli. Un nemico a cui si rinfaccia un'accusa precisa, scritta sotto la rappresentazione. L’accusa, già avanzata in campagna elettorale è tornata prepotente insieme al tentativo della Casa Bianca di estendere l'assistenza sanitaria a tutti gli americani: «Socialism». Il poster dark è palesemente ispirato, oltre che all'ultimo film di Batman, «Il Cavaliere Oscuro», al più famoso manifesto della campagna elettorale di Obama, quello di Shepard Fairey, in cui il presidente è ritratto con sotto la scritta "Hope" (speranza). Ma gli attacchi politici sono quelli a cui Obama, pur se in difficoltà nei sondaggi, può rispondere meglio, anche vista l'inconsistenza delle accuse di socialismo. Più subdoli quelli personali, ovvero gli affondi dei «birthist», il gruppo di destra che sostiene l'illegalità della presidenza dell'ex senatore dell'Illinois, accusato di non essere nato ad Honolulu, nelle Hawaii, bensì in Kenia. E che come regalo di compleanno gli hanno fatto trovare 10mila lettere, tutte uguali che gli chiedono «nel giorno della tua nascita, ti chiedo di fare un'unica cosa: facci vedere il tuo certificato di nascita». Le lettere sono state spedite dal sito WorldNetDaily, e fra quelle che di sicuro sono arrivate al 1600 di Pennsylvania Avenue c'è quella di Phil Berg, il leader del movimento che, quando era un magistrato, voleva portare a processo George W. Bush e Saddam Hussein come corresponsabili dell'11 settembre. Almeno, si sarà forse detto Obama, in questa marea di corrispondenza passeranno più inosservate le 30 lettere di minacce che arrivano ogni giorno. Un numero record, aumentato del 400% da quando alla Casa Bianca risiedeva Bush, a cui, secondo quanto scrive il quotidiano inglese Daily Telegraph citando Ronald Kessler, autore del libro «Nei servizi segreti del presidente», gli agenti Usa stanno facendo fronte a ranghi ridotti e con turni extra. Presto, per fortuna, per Obama arriveranno le ferie con la famiglia al completo nell'isola di Martha's Vineyard, più che mai necessarie per ritemprarlo dopo i primi mesi di lavoro.

bye Bobby Robson

L'ex allenatore della nazionale inglese e del Barcellona lottava contro un cancro ai polmoni dal 1991. Sir Robert William Robson detto Bobby, nacque a Sacriston il 18 febbraio 1933, da calciatore fu un attaccante prolifico con le maglie di Fulham e West Bromwich Albion ma fu da allenatore che diede il meglio di se. Il primo trofeo dalla panchina lo vinse con l'Ipswich Town nel 1978, la prestigiosa FA CUp mentre nell81' vinse l'unica Coppa Uefa del club. Come tecnico della nazionale inglese ottenne un ottimo quarto posto ai Mondiali del 1990 giocati in Italia. Chiusa anche la parentesi nazionale gira l'Europa vincendo diversi campionati prima in Olanda e poi in Portogallo. Nel 1996 si accasa con il Barcellona del giovane Ronaldo e lo riportò alla vittoria internazionale conquistando, contro il Paris Saint-Germain, la quarta Coppa delle Coppe. Robson è uno dei pochi cavalieri del mondo del calcio, come il tecnico del Manchester United Alex Ferguson e fa parte della Hall of Fame del calcio inglese.

Obama lies, he was not born in the Usa. The Constitution says he can't be President.


«Obama mente, non è nato in America»


Ma dov’è nato Obama? Domanda superflua, in apparenza. La risposta è: a Honolulu il 4 agosto del 1961, da padre kenyota, ma da madre americana. Dunque, cittadino statunitense con pieni diritti. Fine della discussione. Anzi, no; perché c’è una parte del Paese che non ha ancora accettato la sua vittoria. È piccola, ma vociante e molto agguerrita. Sollevò la questione in campagna elettorale, facendo circolare la voce che Obama in realtà fosse nato in Africa, come cittadino kenyota e che la madre lo avesse naturalizzato solo in seguito. Un sospetto esplosivo: la Costituzione prevede che solo chi nasce americano possa diventare presidente. La sua elezione sarebbe pertanto illegittima.
L’anno scorso il candidato repubblicano John McCain esaminò la questione e decise di ignorarla. Obama smentì esibendo un certificato dell’anagrafe di Honolulu. Le autorità delle Hawaii dichiararono che era tutto conforme alla legge. E la polemica si spense. Ma negli ultimi giorni è riemersa, prepotentemente. Dapprima sui blog dell’ala ultrapatriottica del Partito repubblicano; poi sulla Cnn, per iniziativa di uno dei conduttori più noti, Lou Dobbs, che l’ha rilanciata pubblicamente. Obama, ancora una volta, ha incaricato il suo portavoce di stroncare le insinuazioni: «Spazzatura, solo spazzatura», ha dichiarato Gibbs. Invano.
L’onda cresce, alimentata dai risultati di un’indagine commissionata da un funzionario della Cia in pensione a un investigatore privato, che ha trovato alcune incongruenze. La prima: Obama ha esibito la copia di un certificato di nascita, che però non è originale. È un semplice attestato tratto dal database dell’Ufficio anagrafe e stampato in tempi recenti. Il giornalista della Cnn e il popolo dei blog di destra chiedono invece che venga mostrato l’atto originale, che però può essere diffuso solo su autorizzazione del diretto interessato. E Obama fino ad oggi ha negato il permesso.
L’investigatore pensa di sapere perché. Ha scoperto che nel 1961 lo Stato delle Hawaii prevedeva ben quattro procedure diverse per la registrazione dei nuovi nati. La prima tradizionale, allegando l’attestato di un ospedale o di un pediatra o di un’ostetrica. La seconda con una semplice dichiarazione di uno o di entrambi i genitori. La terza prevedeva la compilazione di un «attestato ritardato» da parte del genitore entro il compimento del primo anno di età dell’infante. La quarta anche dopo i dodici mesi di età, esibendo un testimone. E se risultasse che la madre di Obama si avvalse di una delle ultime tre opzioni, i dubbi verrebbero rafforzati.
Secondo uno degli scenari che circolano su internet, Ann Dunham avrebbe partorito in Kenya e sarebbe rientrata a Honolulu solo quando il matrimonio con Barack senior andò a rotoli, dunque dopo qualche mese. E viene citata la nonna africana del presidente, che avrebbe assistito alla sua nascita, in Kenya.
Misteri o, più verosimilmente, veleni. La stragrande maggioranza dell’America crede a Obama. Ma ben due soldati si sono rifiutati di partire per l’Afghanistan, sostenendo di non poter rispettare il giuramento di fedeltà a presidente fuori legge. E a una riunione del Partito repubblicano una donna ha urlato: «Obama è un usurpatore, ridatemi il mio Paese». Su YouTube ha fatto furore.

Obama switched off the anti-Castro news in Cuba

Obama switched off the anti-Castro news in Cuba, that had Martin Luther King quotes as well, it was Bush putting them there. Obama is losing the high percentage of people with him.


Obama spegne il tabellone di news contro il regime di Fidel Castro

L'Avana - Obama contro Bush. Un altro passettino verso il disgelo con i cubani. Il nuovo presidente americano ha ordinato di smatellare il tabellone anti-Castro a L'avana. Simbolo della discordia fra Washington e la Cuba di Fidel Castro, il tabellone luminoso che le autorità cubane non potevano toccare campeggiava dal 2006, per volere di George W. Bush, sopra la sezione d’interessi statunitense ben in vista dalla spiaggia della capitale cubana, facendo scorrere 24 ore su 24 slogan e notizie anti-castristi. Ora, segno della timida distensione fra Washington e l’Avana, il tabellone è stato spento e lo conferma il dipartimento di stato Usa.

Spento a giugno Il portavoce del ministero degli esteri americano Ian Kelly, citato dai siti online di Cnn e Bbc, ha detto che il tabellone, simile a quello che campeggia su Times Square a New York, è stato spento in giugno perchè considerato non più efficace come strumento per far avere notizie ai cubani. Il tabellone faceva scorrere giganteschi caratteri rossi, alti un metro e mezzo, per tutta la lunghezza dell’edificio, con frasi celebri sulla libertà, quali "ho fatto un sogno che un giorno questa nazione sorgerà" di Martin Luther King, o "nessun uomo è così speciale da governare un altro uomo senza il consenso di quest’ultimo" di Abraham Lincoln, e così via.

La marcia di Fidel Il tabellone aveva fatto infuriare Fidel, che fece marciare un milione di persone attorno alla sezione d’interessi americana e fece erigere, per coprirlo, un contro-tabellone anti-Usa e 138 grandi bandiere nere, quante le vittime cubane della "aggressione" americana contro l’isola. Le barriere erette da Cuba avevano in qualche modo avuto effetto, perché fino a oggi nessuno si era accorto che il tabellone era stato spento il mese scorso.

www.ilgiornale.it

Forza Popolo della Libertà


Si avvicina il periodo delle elezioni europee, provinciali, ecc.
Sono andato all'incontro per Guido Podestà, candidato Presidente della Provincia di Milano.
Anche per questo evento avevo il pass :D ...pregio, seduto vicino alle veline (era pieno di "bei signurìn" :D). Ero in 6a fila, un po' come la Ferrari muahauahauha
Ho incontrato Barbara Ciabò.................no comment. Anzi comment: stragnocca. Dal vivo è pure meglio. La voterei anche se diventasse comunista ghghghgh Mamma mia m'attizza di brutto, anzi di bella :) Che donna..
Stavolta non c'era lo zio Silvio come le altre volte, perchè aveva male al collo, povera stella ghghghgh ma è intervenuto al telefono (ogni tanto si sentiva che parlava con qualcuno, forse gli stava facendo i massaggi una velina :))). Questa del mal di collo è un'ottima idea ghghghgh bravo Silvio, sfrutterò l'idea) e c'erano tutti gli altri, il sindaco Letizia Moratti, l'ex sindaco Albertini, il vicesindaco terùn pugliese mitico De Corato (purtroppo non ho visto sua moglie...), poi l'altro mitico, Prosperini, che come al solito parlava in milanese e scherzava con noi (sono andato qualche volta nel suo ufficio, pieno di spade, urgh), poi il prof dello Iulm, Paolo Del Debbio, quello del programma Secondo Voi su Italia 1, che ha esordito dicendo che lui è come un "gruppo spalla" ai concerti, che scalda l'ambiente :)). Ce l'aveva su di brutto col sinistro Penati, battute a raffica. D'altronde, le pubblicità che ci sono in giro del "centrosinistra" sono piuttosto offensive... "altro che il centrodestra"?! "alla faccia del centrodestra"?! Ma non sanno cosa dire? Tra l'altro raccontando le solite balle. Parlano di cose che non hanno mai fatto e mai faranno. Per fare qualcosa Penati ha dovuto diventare simil-destro. L'impressione immediata quando uno vede quelle pubblicità è di gente falsa come Giuda. Per creare quelle pubblicità forse erano sotto l'effetto delle sostanze utilizzate durante le manifestazioni pacifiste, quelle con la bandiera della Giamaica.
"La sinistra si è data da fare con la Pedemontana. Alla faccia del centrodestra".
... Quale Pedemontana? Neanche 1 km ! Si sarà data da fare con la lingua? A parlare e leccare culi in giro? Dove sperano di andare con queste pubblicità false? Convincere la gente disinformata che non sa le varie cose?
Ecco, avevo appena detto delle pubblicità orrende della sinistra, e Penati è stato multato per non aver rispettato la par condicio. Quello fa pure delle pubblicazioni - a spese nostre - tutto molto tipico della sinistra - spacciando informazioni per imparziali e necessarie, date dalla Provincia di Milano. Per fortuna ho sentito che è in grande svantaggio e probabilmente perderà. Se lo merita.
Ho sentito che con Penati in Provincia hanno fatto un assessorato alla pace nel mondo...
e poi viaggiavano in giro per il mondo in business class... e naturalmente coi nostri soldi.
Ne ha parlato anche lo zio Silvio al telefono. E degli 820mila euro per il catering... ha detto che lui è vecchio e ragiona ancora in lire (allora sono vecchio anch'io), 1 miliardo e 600 milioni di brioches forse sono eccessivi...
Tutte 'ste cose sono da cabaret, robe da Zelig, tipo quelle finte miss che facevano ridere, con la parodia di Miss Italia, esprimendo come desiderio la pace nel mondo.
E poi è Berlusconi che fa cabaret eh... certo che sì, lo fa spesso e mi fa ridere.
I politici sinistri invece fanno cabaret quando pensano di "lavorare"...
E pensano di essere così intelligenti che noi, poveri stupidi, non ce ne accorgiamo...
La sinistra ha fatto altre pubblicità, ancora più da cretini, da teatranti da spettacolo da baraccone (perchè loro portano avanti la cultura eh, sono i più intelligenti, antropologicamente superiori), con uno spettacolo da cabaret in cui prendono in giro (novità!) Berlusconi. E i tipi che parlano manco sanno parlare in italiano, "...alla faccia centrodestra..." (il "del" l'ha perso per strada?)
La sinistra è indietro di quasi 20 punti percentuali, allora punta sulle frasi ad effetto, scandalistische, sensazionalistiche, in poche parole: raccontano balle (come al solito). Sono disperati, allora fanno mosse da kamikaze, alla "o la va o la spacca" (le spaccano, le balle), come si vede ogni volta che si attaccano ai gossip...
Infatti quando devono dire qualcosa si attaccano alle vicende personali famigliari, "ah ma di quali valori parlate se tutti i politici destri hanno 2 o 3 famiglie"... eh sì, tutti quanti, dal primo all'ultimo, 3 famiglie a testa. Forse meglio che non averne neanche una eh... O una famiglia composta da due culattoni, col figlio adottato che ne chiama uno "mamma"... Ma sì dai, avete ragione, basta valori.
Poi ho sentito quello che dicono nel partito di Pannella, e sono boiate talmente grandi e deliranti che non si riescono a ripetere, piuttosto mille volte meglio addirittura altri partiti comunisti.
L'avrete visto, quel partito con la stella gialla e il simbolo pacifista, i Radicali della Bonino, tutto un programma. Ho sentito "parlare" Pannella, cos'è, un morto vivente? Un posseduto? Bisogna chiamare l'esorcista. In pratica per loro Berlusconi=non Mussolini come al solito, ma addirittura Hitler. E' sempre l'effetto delle loro bandiere della Giamaica. Un'ignoranza da manuale.
Poi c'era uno del partito comunista (ma esiste ancora?) con le lacrime agli occhi spiritati, si vedeva che si era appena fatto un cannone, che parlava di "leggi uguali per tutti in tutto il mondo", parlava di "tutto uguale" (e c'era il conduttore che si tratteneva dal ridere, sembravano i pensierini del diario delle scuole elementari)...eh sì, d'altronde siamo tutti uguali eh, italiani e giapponesi, africani ed eschimesi. Povera Italia. Forse non si era fatto un cannone ma la mamma gli aveva appena letto una fiaba commovente prima di fare la nanna. E ovviamente questo tipo del Partito Comunista litigava con quello di "Sinistra e Libertà" che litigava con quello dei Radicali... (che attaccavano quelli del Pd...quante sinistre ci sono?)
Mi chiedo come possa vincere la sinistra: solo se la vota un popolo di ignoranti...
Poi alla faccia che su Mediaset sono di parte (lo dicono pure gli interisti sinistri...): a parlare di elezioni c'erano 3 di sinistra e 1 di destra...
E il capolavoro: Diliberto (ma non si era ritirato? Facendo il furbacchione dando i suoi "poteri" a un altro?) al Tg5 spiegava che il simbolo della falce&martello è il simbolo del lavoro (quando mai i comunisti hanno insegnato che bisogna lavorare? Casomai il contrario: fin dal '68, a non fare niente, a protestare, a scioperare, ecc.) e diceva che il comunismo è il futuro (e come mai gli operai adesso votano più destra? Sarà che 'sti politici comunisti non lavoravano abbastanza?). Informatelo che il comunismo è morto 20 anni fa, nel 1989. Stesso anno dell'ultimo scudetto vero dell'Inter ghghghgh
Forse il Diliberto era reduce da una festa per il ventennale, allora forse aveva alzato un po' il gomito, il problema è che questi pensano davvero quelle cose. Ripetiamo per l'ennesima volta: il comunismo, la politica più fallimentare nella storia, che ha procurato un numero di decine di milioni di morti in tutto il mondo, enormemente maggiore persino del nazifascismo. Ma loro, "poveri" frequentatori dei salotti, dicono che sono "dalla parte giusta della storia" (sventolando la bandiera della Giamaica, quindi capiamo quanto possano essere vere le cose che dicono...)
Altra figura di merda, il nuovo "leader" del PD, Franceschini un imbecille di primo grado, un insulso imberbe senza esperienza, va a insultare come al solito Berlusconi e stavolta pure i figli, sicuramente pensando di non insultare. Ma che modo è di fare politica? Da vergognarsi. Disperato.
entra anche tu in forzasilvio.it

Università Mediaset Iulm, Vespa della Piaggio del Manchester City

Mister Cambiamento ha già cambiato idea


MISTER CHANGE ALREADY CHANGED IDEAS

The Grey House

Dalla lotta contro le lobby alla chiusura di Guantanamo, Obama ha conquistato il paese a suon di promesse. Due mesi dopo, ecco che fine hanno fatto tutti i suoi “Yes, we can”


Barack Obama era stato chiaro durante la campagna elettorale. La sua amministrazione non avrebbe avuto lobbisti e avrebbe fissato regole rigide contro qualsiasi commistione fra politica e mondo degli affari, fra i corridoi della Casa Bianca e i cosiddetti special interest. Slogan buoni per scaldare le folle nel cuore dell’America che vedono in Washington (democratici o conservatori non fa differenza) una fabbrica dello spreco e della corruzione legalizzata.
Come primo atto da presidente Obama ha messo nero su bianco le sue promesse. Le ha tradotte in una direttiva che fissa regole etiche: nessun lobbista farà parte dell’amministrazione in quei settori per i quali negli ultimi anni hanno prestato servigi alle corporation; e nessuno, una volta uscito dall’amministrazione, potrà trovarsi un ufficio a K-Street (la strada dei lobbisti nel cuore della capitale americana) per il resto della durata della presidenza Obama. Poi, però, nel giro di pochi giorni dallo Studio Ovale sono arrivate le prime “waivers”, esenzioni. Obama ne ha rilasciate ben 17. Diciassette funzionari di nomina politica sono stati chiamati a far parte dell’amministrazione pur non avendo i requisiti “etici” del credo obamiano. La nomina di William Lynn a numero due del Pentagono ha scatenato un putiferio (poi rientrato). Lynn, infatti, è la quintessenza del lobbista. Ha lavorato al Pentagono dal 1997 al 2001 aiutando la Difesa a ridurre le spese non documentate (fuori bilancio), poi è stato lobbista per la Raytheon, azienda fornitrice dei militari Usa, fino al 2008. Per lui Obama ha usato un escamotage geniale: «È l’unico che può occupare quel posto». Lynn, insomma, è il prototipo perfetto per il posto di numero due: è stato dentro la macchina e l’ha oliata bene anche da fuori.
La scelta di Lynn è stata approvata dal Senato con 93 voti a favore e 4 contrari. Numeri che la dicono lunga su quanto business e politica vadano a braccetto, indipendentemente dall’inquilino della Casa Bianca. Vero è che le regole di trasparenza fissate da Obama sono le più severe mai viste a Washington, ma restare testardamente attaccato alla lettera di queste norme sarebbe stato per il capo della Casa Bianca praticamente impossibile. Come è impossibile che tutte le promesse elettorali possano realizzarsi. Non parliamo delle grandi strategie geopolitiche o economiche, che dipendono solo in parte dalla volontà del presidente, ma di tutta una serie di decisioni che a soli due mesi dall’inizio del mandato rientrano già sotto la voce “promesse infrante”.

Più tasse per tutti
«Come presidente non firmerò nessun atto (eccezion fatta per quelli di emergenza) senza dare agli americani l’opportunità di valutarlo e commentarlo sul sito della Casa Bianca per cinque giorni», c’era scritto sul sito web della campagna di Obama. Peccato che il Lily Ledbetter Bill (la legge sull’equità di salario fra uomini e donne), il pacchetto di stimolo all’economia e l’Insurance Program Reauthorization Act of 2009 (nel quale è contenuta l’estensione della copertura medica a 10 milioni di bambini), siano diventati legge ben prima dei cinque giorni promessi. Piccolezza forse. Come l’incremento dell’accisa sulle sigarette. Obama aveva promesso che non avrebbe alzato le tasse per i ceti meno abbienti. Ma l’aumento di oltre il 50 per cento delle tasse su tabacco, sigari e sigarette colpisce proprio le fasce più povere. E, sempre in materia di tasse, il nuovo budget contiene un aumento del 45 per cento della pressione fiscale per l’energia. Costeranno di più da fine 2009 le bollette elettriche, la benzina e in genere tutti i manufatti.
Motivo di imbarazzo per il presidente sono gli earmarks, i soldi destinati a progetti di interesse locale (talvolta dubbio) da senatori e deputati dei vari distretti. Obama aveva definito «rotto il procedimento legislativo che consentiva l’introduzione degli earmarks». Eppure l’11 marzo ha firmato il cosiddetto Omnibus Appropriations Bill, una legge di spesa del valore di 410 miliardi di dollari che contiene ben 8.750 earmarks, pari a 7,7 miliardi di dollari. Il paravento dietro il quale la presidenza cela la contraddizione fra promesse e realtà è che l’Omnibus Appropriations Bill è l’ultimo atto del precedente governo: si cambierà strada in seguito.

Impossibile liberarsi di Bush
Lo iato fra intenzioni e fatti è evidente anche nelle questioni di sicurezza. Uno dei primi provvedimenti di Obama ha riguardato Guantanamo. Il presidente avrebbe voluto chiudere il supercarcere a Cuba entro cento giorni. Ma i suoi consiglieri, dopo aver verificato tutta una serie di intrecci, si sono limitati a suggerire di fissare «entro un anno» la fine dell’esperienza e intanto di chiedere (non potendo ordinare) la sospensione dei processi fino a maggio, in attesa di rivedere le posizioni dei detenuti ancora custoditi. Sulle extraordinary renditions, i rapimenti dei sospetti terroristi e il loro trasferimento in prigioni segrete della Cia fuori dai confini Usa, Obama si è dovuto misurare con una realtà che va ben oltre l’eredità di Bush. Fu infatti Clinton, spinto da Al Gore, a creare il sistema delle prigioni segrete per motivi di sicurezza nazionale. Obama, che pure ha firmato un executive order per chiuderle, ha però concesso alla Cia l’autorità di continuare con le renditions in caso di necessità. L’impressione, suffragata da molti commentatori, è che gli strumenti per la lotta antiterrorismo di Bush non potranno essere scaricati alla leggera. E molte promesse di Obama in questo senso (dal no alle intercettazioni, al ripristino ovunque dell’habeas corpus) non potranno essere mantenute in toto.
Così come finora Obama ha fallito nel costruire uno “spirito bipartisan”. I repubblicani gli hanno voltato le spalle sul pacchetto di stimoli per l’economia, considerato «espressione del Big Government». Così al presidente non è restato che mettersi a navigare da solo. Ha impiegato “appena” cinquanta giorni a capire che il Congresso non avrebbe dato luce verde al finanziamento federale della ricerca sulle cellule staminali embrionali. Così il 9 marzo il presidente ha cancellato – questo sì come promesso – il decreto di Bush dell’agosto 2001. Un tratto di penna per mantenere una promessa e sconfessarne un’altra: lavorerò con l’opposizione.
Alberto Simoni www.tempi.it

BOIATE

Di boiate ne abbiamo sentite fin troppe in questi giorni. Dev'essere il Carnevale in arrivo.
Non voteremo mai in vita nostra qualsiasi dio-politico scienziatone cervellone ateo pro-morte di qualsiasi persona. Ovvero l'ufficio sinistri fantozziano, gli sfigati. Chissà che gioia proveranno.
La sinistra non era contro la pena di morte? Sì, contrari quanto i francesi con la ghigliottina della Rivoluzione francese.
Benigni fa sempre i suoi discorsoni teorico-patetici pro-vita, l'amore e le vacche e poi quando c'è un caso concreto come quello di Eluana diventa pro-morte? Pagliaccio!

Il maschilista sinistro Oliviero Toscani, interista, quello che fa i "poster ad effetto", e i poster dell'Inter, ha detto che gli stupri sono colpa delle donne, che si vestono troppo sexy. Eh certo, invece non è neanche da considerare che quei rom, marocchini, anche italiani, ecc. sono degli animali, che tra l'altro stuprano anche le vecchiette di 80 anni, vestite molto sexy eh! Chi può resistere ai mutandoni della nonna? Ce li ha pure Bridget Jones! Difficile trovare in giro uno più imbecille di Toscani.

Microsoft inaffidabile

Da oltre un mese mi viene fuori un messaggio sul computer fisso, "il software in uso potrebbe essere contraffatto"... facendo tutte le prove "di autenticità" sul sito Microsoft di merda, non si risolve... sarà un problema dovuto a qualche programma, ma ne ho approfittato per segnalare tutti i negozianti dove ho comprato i computer da sempre, che sono tutti dei disonesti (ad altri clienti non danno antivirus o altre cose), perchè non danno mai i cd originali del sistema operativo, e pure capita che ti vendono i computer in funzione sugli scaffali non si sa da quanto tempo (poi te credo che hanno sempre qualche problema).
La storia del "software non originale" (eh certo, per due anni è originale, poi improvvisamente diventa non originale), dà problemi pure con Windows Defender...non funziona più.
Il risultato è che non potrò nè voglio scaricare più gli aggiornamenti di Windows Update per il computer. Non reinstallo il sistema operativo con ovvia perdita di dati o comunque un danno per il computer, per colpa dei loro aggiornamenti di merda che non funzionano, che il più delle volte sono completamente inutili e occupano un sacco di spazio e danno problemi. Di certo non ha giovato il fatto che è andata via la luce spesso in tutto il quartiere, ringrazio sempre gli ambientalisti e il "no al nucleare"...troppo intelligenti.
Quando si compra un computer, nelle "regole" della Microsoft, ovvero tutta quella papparedella di roba che nessuno legge, c'è scritto in pratica che loro ti PRESTANO il computer che hai COMPRATO...con soldi. Una roba davvero comunista. Se io compro una cosa dovrebbe essere MIA. PROPRIETA' PRIVATA. I SOLDI NON LI VADO A RUBARE. Perchè, secondo loro, tu non potresti usare un computer senza il loro sistema operativo. Balle, falsoni, perchè ad esempio uno può mettersi su Linux, ma praticamente nessun negozio o quasi vende un computer senza sistema operativo Microsoft. Gente del genere non può che collaborare con il Corriere della Sega, ops, Sera. Se non fosse che costruisco web e che Windows lo usano la maggioranza delle persone e quindi costa meno di Apple, sarei già passato al Mac, cosa che non farò presto ma che dovrei fare assolutamente.
Sono in contatto con la Microsoft Italia per risolvere i miei problemi del computer (sì, magari li risolvessero), e la persona che mi risponde, in lingua italiana, si firma tale Karim Ahmed Mohamed Ayoub... indipendentemente da che sia vero o no, c'è da preoccuparsi. Dopo anche quello che è successo in Duomo...non so se la gente si rende conto di quanto sia stato grave...una marea di arabi che occupano lo spazio davanti a un'enorme chiesa cristiana per pregare Allah... "merito" del cardinale di Milano, Tettamanzi...nome che suggerisce quale avrebbe dovuto essere il suo lavoro: pascolare coi manzi, mungere le tette delle mucche. Dai dai facciano i buoni, i tolleranti, quelli che trattano coi terroristi...
Anche se quel nome non fosse vero, quelli della Microsoft-Corriere della Sega con quel nome avranno voluto contribuire all' "integrazione"...wow...
Ho ri-ri-telefonato alla Microsoft, mi ha risposto una teruna ghghgh che mi ha detto che "il problema è noto a loro" e bisogna reinstallare tutto il sistema operativo... Quindi è un problema diffuso, che capita prima o poi a tanti, perchè questo preciso problema della verifica del sistema operativo l'hanno messo addirittura nei tasti di scelta del messaggio automatico a inizio telefonata...
Non so come faccio a essere sempre gentile con un sacco di deficienti...
Per reinstallare il sistema operativo, è decisamente preferibile salvare tutti i dati su dischi o altro... quindi perdita di tempo e soldi. E secondo me, checchè ne dica la teruna, c'è almeno un minimo danno che si fa al computer, non è che ogni giorno si reinstalla il sistema operativo eh... Potevano risolvere in qualche modo il problema, invece, essendo Microsoft, no.
Dovevate sentire il primo "operatore" della Microsoft al telefono... tra virgolette anche questo, non solo perchè il suo operare si fa per dire, "ma anche" perchè forse era un'operatrice, aveva una voce neutra dal sesso indefinibile... Mi ha detto di cliccare (attenzione eh) con il tasto destro sulla finestra di errore che viene fuori, e secondo lui, lei, sarebbe venuta fuori addirittura una tendina di scelta con pure le proprietà, in cui si sarebbe visto addirittura il codice del mio sistema operativo! Sì, anche il codice fiscale!
Questa, signori, è la Microsoft.
Nella realtà invece cliccando col tasto destro non viene fuori manco una cosa.
Avreste dovuto vedere il rapportino che ho fatto della "assistenza" "tecnica" della Microsoft (tutti paroloni troppo grossi per loro, quindi tra virgolette), pessima sotto ogni punto di vista, li ho presi per il culo scrivendo più o meno così: "c'era qualcosa in più che potevate fare: per esempio l'unica cosa da fare: risolvere il problema". Non messaggi automatici come Facebook.

FOREVER LIVING: LAVORO-TRUFFA AMERICANATA

Vi segnalo come "funziona" un "lavoro" che avevo "trovato", tutto tra virgolette perchè è finto.
La "Forever Living" (prodotti di aloe americani, con sede italiana a Roma) per lavorarci diventando "agente" (vendere in giro i loro prodotti), ti fanno acquistare all'inizio il "grande pacco" (in tutti i sensi) dei loro prodotti, circa 1 milione di vecchie lire. E poi quasi tutti quelli che ci cascano, abbandonano subito il "lavoro", perchè chi è che compra quella roba?
Risultato: pochissimi "entrano" e quasi tutti quelli che provano rimangono senza lavoro e con 1 milione di lire in meno, spesso gente già con pochi soldi.
E' il classico lavoro-truffa, chissà quanta gente è stata obbligata a comprare. Di solito un vero lavoro non funziona così, come dicono sempre a Striscia NON BISOGNA PAGARE PER AVERE UN LAVORO. E' chiaro come questa gente si arricchisca. Ti illudono, in maniera subdola, di aver trovato un lavoro con cui puoi guadagnare tanto (fanno vedere Ferrari, viaggi, ecc.), e invece ci perdi, e molto.
Se vi capitano persone che vi propongono lavori simili, segnalate i truffatori a Striscia la Notizia e a Valerio Staffelli:
gabibbo@mediaset.it
valerio.staffelli@quotidiano.net

patetico Obama


Che tristezza Obama...ridicolo... che si è impappinato persino a dire la parola "lealmente"...guarda un po' il caso eh...con tutto il fiume di parole che ha detto, proprio su quella...
che American idiot...manco sa parlare, qualità n.1 per un politico, un presidente d'America addirittura.
Ma la famiglia Obama è presa dal film Il pianeta delle scimmie? Uguali... Un roba patetica degna dei politici sinistri nostrani, oh la prima volta che i due piccioncini da giovani sono usciti sono andati a vedere (guarda caso) un film dell'abbonato all'Inter allo stadio Spike Lee... tutto costruito ad arte... che storia commovente... Secondo i razzisti Obama cambia il mondo "perchè è nero"... Ovviamente è subito spuntato fuori Uolter Veltroni a farci il discorsone strappalacrime sul "mondo che cambia"...sì, in peggio.

Due pagine di Facebook contro Obama: America Against Obama
Stop Barack Obama (One Million Strong and Growing)

E su Veltroni ce n'è una marea, ad esempio:
Dite a Veltroni che le elezioni le ha vinte Obama e non lui!!
Quelli che... che cazzo c'entra Veltroni con Obama!
VELTRONI, OBAMA MANCO TE CONOSCE
Mandare a 'quel paese' Veltroni??YES,WE CAN







A proposito di Facebook: ha cancellato (più volte) la vecchia pagina sul Duce (il "dittatore" impiccato senza processo) con 12.000 persone iscritte... come ha cancellato tanti account di persone normali che non hanno fatto niente di male, e anche quella principale del Milan con altre migliaia di persone, e quella dell'Inghilterra, e quella principale di Kate Moss, ecc. Invece pagine sulla mafia e sul comunismo, che hanno fatto un numero di morti enormemente superiore al nazifascismo, vivono e vegetano. Così come quelle sull'uccidere Berlusconi e i gruppi pro-stupri di..gruppo. Facebook fai letteralmente schifo.
Tra l'altro, i sinistri sono contro la pena di morte...tranne per chi la pensa diversamente?

Ma quindi, se secondo Facebook:

comunismo+stupri+mafia+uccidere Berlusconi = sepoffà
e invece:
Duce+Inghilterra+Milan+Kate Moss+gnocche+gente che non ha fatto male a nessuno = nun sepoffà

le cose legate dal +, sono collegate in qualche modo?

Facebook ti cancella l'account ma tiene la mafia

La cosa allucinante di Facebook è che spesso cancellino i profili delle persone, tutto per motivi (assenti) assurdi ("problemi tecnici", "troppi contatti", stronzate varie), e lasciano invece on-line gruppi pro-mafia, pro-uccidere Berlusconi, ecc. Cancellando un account, cancellano centinaia di contatti, messaggi, foto, ricordi, commenti, gruppi, di tutto di una persona che non ha fatto del male a nessuno... con le scuse più assurde che invia una specie di robot anni '80 con risposte automatiche (quando va bene, sennò manco rispondono), con un atteggiamento hitleriano, "this decision is final", senza nessuna possibilità di dialogo o replica... E ti prendono pure per il culo dicendo "Thanks for your understanding"... No no, non understando proprio, sarò ignorante eh! Understando solo che non understandate proprio un cazzo. E' ora di finirla, c'è qualche persona umana dietro a Facebook??!!

articolo del mese scorso, contro Facebook:

COME SI VIVE BENE SENZA FACEBOOK
manifesto per i pochi che resistono

Tanto per capirci, un annetto fa a tener banco era «Second Life», il mondo virtuale dove condurre una seconda esistenza ovviamente virtuale anch'essa (l'alter ego era chiamato avatar). E in «Second Life» bisognava «entrarci», pena il passare da vecchio, provinciale e anche un po' fascista. Ci entrò, ad esempio,Massimo D'Alema anticipando le fregole internettiane di Walter Veltroni. Ci entrarono banchieri e intellettuali, giornalisti, attori, nani, ballerine e l'intero salottume radical chic. Insomma, ci entrò buona parte della società civile, e tutti a parlare del proprio avatar e degli avatar altrui, a magnificare la sublime esperienza di «Second Life» senza la quale la vita, quella reale, non era vita. Poi la sbronza passò, il popolo di «Second Life» si rese finalmente conto di quant'era fesso e anche mortalmente noioso giocare agli avatar e la piantò lì. Bene, ora tocca a «Facebook». E ci troviamo giusto nel momento in cui più alta è la febbre. Di D'Alema avete letto. Assicura che non ne può fare a meno, che «Facebook» è la soluzione a tutti i problemi: pace, fame nel mondo, giustizia sociale, effetto serra e vittoria alle elezioni (la leggenda metropolitan-veltroniana vuole che Obama abbia conquistato la Casa Bianca via internet. Balle. Caso mai a rastrellar soldi - 730 milioni di dollari - gli è servito Internet, perché non c'è mezzo o sistema che lo sappia fare così bene. Per dire, grazie ai facebooker, ai Veltroni, l'inventore di «Facebook», Marc Zuckerberg, tira su oltre un milioncino di dollari la settimana). Come non bastasse, ci si è messo anche quel sant'uomo del Cardinal Crescenzio Sepe: dichiarandosi entusiasta di «Facebook» e della sua capacità di «dare un messaggio di vicinanza», ma dimmi tu, ha dato alla faccenda quel tocco spirituale che mancava. Questo per volare alto. Per volare un po' più in basso, non c'è, fra la gente che conta, chi non ammetta orgogliosamente di appartenere alla vastissima tribù dei facebooker e dunque di stringere una via l'altra friendship fra gli appartenenti alla community. Idem fra la gente che non conta e che a smanettare «Facebook» ci passa le giornate, come ben sanno le amministrazioni pubbliche, le quali meditano di oscurarlo negli uffici perché gli impiegati ci s'incollano per ore, roba che Brunetta dovrebbe dare un'occhiata. Nell'insieme, si fa a gara per elogiare le sublimi virtù del social network, a gara per avere quanti più friends (Veltroni: mille e 327. Scarso. C'è chi ne ostenta 20mila), a gara per rivendicare una anzianità di facebooker. Insomma, non se ne può più. E monta tra le persone ammodo un sentimento di ribellione, la voglia di scendere in piazza, anche, per chiedere la testa di «Facebook». È evidente, chiaro come il sole, che quella dei facebooker è una mattana. Internet pullula di altri strumenti del genere, atti a «chattare», cioè a spettegolare. Senza dire che ogni italiano possiede in media un telefonino virgola otto con cui manda qualche migliaio di «messaggini» al mese. Se dunque si fosse fatto impellente il desiderio di dare un messaggio di vicinanza, per dirla col Cardinal Crescenzio o di stringere friendship, per dirla con Veltroni, non mancavano certo i mezzi per procedere. E invece sembrava che l'umanità fosse misantropa, ben decisa a non fraternizzare col prossimo fino a quando non è apparso, oh stupore, oh meraviglia, «Facebook». Ma si può? E passi se i facebooker - «dei guardoni impenitenti, narcisisti e che tendono a idealizzarsi, a mostrarsi per quello che non sono», secondo uno studio dell'Università della California - si dedicassero al loro onanistico trastullo nel riserbo e nella solitudine. No, devono accorarci raccontando le loro emozioni, i loro batticuori e turbamenti on line, guardandoci come si guarda un poveraccio, un mentecatto, se vengono a sapere - con raccapriccio - che magari non «siamo» in «Facebook». Bene, se ne facciano una ragione: la parte sana della nazione non ci sarà mai, facendosene, oltre tutto, un motivo d'orgoglio. Perché non ci son santi (e
mi scusi il Cardinal Crescenzio): si campa benissimo, anzi, meglio, anche senza essere facebooker. E il mondo va avanti, checché ne dica Veltroni (che poi ne azzeccasse mai una), anche senza quella bischerata di «Facebook».
Paolo Granzotto www.ilgiornale.it

fine degli inverni


foto da www.ilgiornale.it

A Milano sembra di essere in Siberia...mai visto nevicare così spesso...e siamo in pianura, mica a 3000 metri... Ma gli ambientalisti tipo il culatùn Pecoraio Scanio (r.i.p., riposino nella loro pace nel mondo) dicevano che c'era il surriscaldamento della Terra, la desertificazione dell'Italia, ghiacciai sciolti, fine degli inverni, non solo non doveva nevicare più ma neanche piovere, Italia che si scalda 4 gradi in più degli altri paesi e tutta quella serie di boiate pazzesche! Premi Nobel a quella gente eh, tipo Al Gore.

Leggete questo fantastico articolo di presa per il culo al presidente sinistro dell'Inter, ambientalista dei Verdi, il petroliere telecomunista, che ben esemplifica perchè io non tiferò mai per l'Inter. Andate allo stadio a vedere l'Inter, dategli i soldi, tanto se non ci andate lui poi dice come qualche mese fa "avete fatto bene"...non ha bisogno che andiate...

Ci mancava pure il «senso» di Moratti per la neve
di Federico Novella www.ilgiornale.it

M'immagino la faccia dell'impiegato di Quarto Oggiaro con le galosce ascellari, o il pensionato di piazzale Gobetti con la Micra che pattina sul marciapiede, nell'aprire il Corriere della Sera a pagina 5. Sotto un'intestazione degna di Harry Potter, Spalatori e magie, la mia Milano, Massimo Moratti ci fa capire che anche nel fango, nelle bestemmie dei pendolari, nei tram che deragliano, ci sta tanta poesia. Dice Moratti: «Ho viaggiato di prima mattina nella Milano coperta di neve, e sono rimasto folgorato dall'impagabile bellezza della città e del suo silenzio». Ma come, dirà a questo punto la vecchietta di viale Abruzzi in ipotermia, è di Milano che sta parlando? Ma che strada ha fatto, Moratti? Cosa c'ha, il tom tom di Biancaneve? No perché l'unica «folgorazione» che puoi prendere, qui, è il colpo di frusta quando scivoli sulla neve davanti casa. C'è la slavina sul ponte della Ghisolfa, e Moratti ti parla della «bellezza del silenzio».In piazzale Loreto le casalinghe fanno sci di fondo, e Moratti gongola sull'«idea di semplicità». Lo vada a dire a quelli che in via Molino delle Armi si sono messi in dodici a spingere la corriera, perché la loro «idea di semplicità» era ancora più luminosa: siamo «semplicemente» incazzati. Par di vederlo, il presidente, il loden infilato sopra il pigiamone a righe, mentre armato di fotocamera digitale si rivolge all'autista ancora insonnolito: «Dài Battista, c'è una bella arietta frizzantina, ciapa su l'ammiraglia che andiamo a farci un giro nella nostra bella Milàn, stamattina son rimasto folgorato!». Il risultato di questa gita antelucana sono quattro foto scattate dal lui medesimo, e pubblicate sul primo giornale nazionale. Le foto, capite? C'è gente che si alza alle sei, si scafandra in dodici strati di stoffa, nella vana speranza di arrivare in ufficio in tempo, anzi, di arrivarci e basta, e poi c'è il presidente dell'Inter che si alza alle sei per fare le foto. C'è la protezione civile, le vecchie che si attaccano ai muri per andare a comprare il pane, c'è lo Yeti in piazzale Corvetto, e lui fa le foto. A tutti, fa le foto: alle piazze, agli alberi, ai maghrebini, ai lampioni, ai paracarri, alle fantastiche «biciclette imbiancate» (mwahahahahaha - n.d.M.), fa le foto persino agli extracomunitari che spalano, simbolo di «partecipazione e di comunità». Ma quant'è artistica ’sta valanga, magari nevicasse sempre così, una benedizione dal cielo. Certo, poi quando sgasi sull'autoblù con nove ruote motrici, può anche essere che il traffico in tilt non lo senti. E che gli smadonnamenti contro la cognata sindachessa non superino il cristallo insonorizzato. Ma non mi puoi parlare di «magia» della neve: la tua Punto che scavalla la rampa del garage, questa è l'unica magia che sogna il milanese. Per cui, ha ragione Moratti quando dice «ma che bella la mia Milano»: la sua senz'altro, quella degli altri un po' meno. Dunque, la prossima nevicata, un consiglio per tutti: invece di invecchiare alla fermata della 94, citofonate Moratti. Magari uno strappo ve lo dà: del resto, c'è da restare «folgorati».

Moratti vai a spalare!!!
Con Alfonso Signorini....ehehehehe
Ho letto che il culatùn re del gossip Alfonso Signorini da giovane faceva lo spalatore di neve... Eh sì, e fu quella volta in cui si piegò un po' di più verso il basso ehehehehe che da dietro sopraggiunse...SOTOMAYOR !!! muahahahauahahaha
Il Branduardi della Pulce d'acqua direbbe:
"...troppo ti sei chinato".... mwhahahahauahahauahahahaha

No al capodanno... è il 25 marzo



contro il capodanno, "trionfo" della superficialità festaiola,
dove il culmine del ridicolo è il "chi tromba a Capodanno tromba tutto l'anno".
Capisco l'andare in montagna a fare la settimana bianca, ma festeggiare la mezzanotte, il conto alla rovescia, i botti, ecc. sono boiate.
Per non parlare di quelli che spendono 100-200 euro per feste tristissime sempre uguali perchè devono divertirsi per forza, devono fare il trenino di quelli che s'inculano peppèpeppèpeppè tipo Maurizio Costanzo (il "curatore d'immagine di D'Alema"... culattone? - pensa se non gliela curava..) che "suona" per finta il saxofono, e Brigitte Bardot Bardot, Brigitte Peugeot Peugeot.... e: A-E-I-O-U-Y... (perchè la gente che vi partecipa ha una cultura talmente elevata che bisogna ripetergli l'alfabeto, le vocali, ecc.) - in tv il primo trenino coi travestiti brasiliani ghghghgh è partito alle 21:10 !! E poi quelli che spendono lira di Dio per comprare i botti e quelli che si feriscono e si ammazzano pure, l'apice della deficienza.
E quelli che ti chiedono cosa fai a Capodanno già a settembre...poveretti...
Festeggiare il capodanno il 31 dicembre mi sembra una roba da sfigati (e notare che se non festeggi sei tu lo sfigato - poi mi spieghino cosa festeggiano, una cambio di data? il fatto che diventiamo più vecchi?), è una cosa da gente molto triste. Oltre che da ignoranti, perchè...
(leggo da una mia dispensa)
...poichè non esiste nell'orbita terrestre nessun particolare punto che permetta di stabilire l'inizio e la fine di un anno, la scelta di una data precisa è in fondo arbitraria ed è mutata più e più volte con il passare del tempo. Anticamente l'inizio del nuovo anno veniva festeggiato in occasione dell'equinozio di primavera, che oggi corrisponde al 21 marzo, mentre per gli antichi Romani cadeva il 25 marzo. In seguito mancò a lungo una data accettata da tutti: qualcuno faceva incominciare l'anno nuovo dal primo gennaio, qualcuno da Natale o da Pasqua. Naturalmente questo creava problemi, dato che la Pasqua non cade in un giorno fisso, ma può oscillare tra il 22 marzo e il 25 aprile, e la lunghezza dell'anno variava quindi di continuo. Soltanto nel 1564 l'allora tredicenne Carlo IX re di francia, il "re bambino", rese obbligatoria la data del primo gennaio come primo giorno dell'anno. Questa scelta venne via via accettata anche dagli altri Paesi cattolici mentre in quelli protestanti la resistenza fu più lunga perchè non si voleva acconsentire a una decisione presa da un sovrano straniero.
In Gran Bretagna si continuò quindi a festeggiare l'inizio dell'anno il 25 MARZO fino al 1751, lo stesso anno in cui venne accettato il calendario gregoriano, ordinato da Papa Gregorio XIII nel 1582 per ristabilire la concordanza dell'anno con le stagioni.
Tra l'altro il 25 marzo è l'Annunciazione del Signore, cristianamente è questo il vero inizio dell'anno.

Da bravo filo-inglese vecchio stile io festeggio il Capodanno il 25 marzo al pub inglese (l'unico pirla che festeggia nel locale e tutti si chiedono perchè ghghgh, avrà vinto al Superenalotto, boh).
Ma tu guarda se devo festeggiare una roba che ha deciso un bambino francese... Allons enfants! Allonsanfanculo!

Io vado a letto tardi tutto l'anno, ma il 31 dicembre sera farò un'eccezione:
A NANNA !!!
foto sotto: il Big Ben ha i numeri romani

England flag is the same as Milan city (Milano) flag.
And Ac Milan team, the best team in football history, was founded by the English.

Merry Christmas everybody

www.natalesiamonoi.it

vignetta di Benny (di Libero)


da "Tempi" www.tempi.it

W la gnocca (quella a destra... eh beh, ai sinistri bisogna specificarglielo, si confondono...)

www.fashionmodeldirectory.com

Slade song cover by Noel Gallagher, Oasis+Manchester City:

www.oasisblues.com


Fantastico il D'Alema di fine anno che difende i terroristi Hamas, "gruppo di vasto consenso eletto democraticamente"...non sono neanche più allibito a sentirlo, è D'Alema... sì, anche Hilter l'avevano eletto democraticamente... Stesso obiettivo: distruzione degli ebrei. E poi dicono che i comunisti di oggi non sono i nuovi nazisti? Col piccolo particolare che D'Alema non è solo di oggi "ma anche" di ieri. Secondo me persone che esprimono queste opinioni, che sono pure personaggi pubblici, politici, per cui gente che ascolta e non sa le cose potrebbe esserne influenzata, quelle persone tipo D'Alema andrebbero arrestate. Hamas che come "strumento" politico "democratico" usa i kamikaze per uccidersi e uccidere. E D'Alema è quello che si sente di essere il più intelligente di tutti...andiamo bene... com'è quello più stupido?

BECKHAM @ MILAN !!! (till 09 March 09)

Beckham day in Milan.

English red&white flag is the same as Milan city flag
+
Ac Milan, the best team in football history, was founded by the English
=
Beckham @ Milan

As Milan city song says: "...but then everybody's comin' to Milan"

outside Four Seasons hotel in Jesus street (!), also Oasis go there, and all fans outside waiting for them to come out

David & Victoria




Ac Milan sponsor "Bwin" (bet&win) stands also for Berlusconi, win! :) Beckham, win! :)


C'è chi è provinciale e oggi va dove vince gli "scudetti" di cartone, a Siena... (ovviamente gl'interisti quelli onestoni hanno rubato anche oggi) e ckhi Beckham...
L'interista Gianluca Rossi in tv che ripete che lui è nato e abita in centro a Milano, perchè lo accusavano di essere provinciale... ciccio, anch'io sono nato e vivo da sempre in centro a Milano, ma il provincialismo è nel modo di ragionare, e lui è provinciale.
E proprio il giorno dopo che l'Inter si è beccata lo United (hanno voluto fare gli sboroni, loro addirittura VOLEVANO la squadra più forte, perchè sono famosi per eliminare squadroni eeeehh...manco l'Anorthosis...), il Milan invece ha fatto la presentazione di Posh Beckham, lo Spice Boy (regalo di Natale dello zio Silvio), ex dei diavoli dello United, a Milano per i diavoli milanisti (Milan, la vera squadra di Milano, la più vittoriosa nella storia del calcio, che è stata fondata dagli inglesi, e bandiera biancorossa di Milano, che è nel simbolo del Milan, non dell'Inter, bandiera che è uguale a quella inglese). InterTristi&gobbi: sognando Beckham...ghghghgh Come uno striscione milanista: realizziamo i vostri sogni.... (telecomunisti) we do SCORE yer dreams... Come dicevano interisti e sinistri di Ronaldinho, sarà un'altra "operazione commerciale di Berlusconi"...ovvero la purga per il derby di ritorno. Ben vengano le operazioni commerciali!
L'interista Andrea Bosio per fare il "simpaticone" ha dovuto fare il comunista, con una delle sue perle (anche se è difficile riconoscere una cosa sensata quando parla):
"Voi milanisti siete nati inferiori. Beckham ha leccato i culi come Emilio Fede".
Piccolo particolare: se non fosse nato il Milan, non sarebbe neanche nata l'Inter. Bosio, un genio, roso dall'invidia.

Futurismo, Milano 1909-2009, centenario

Centra
Il ballo di Malabarba, Roma





Vi Veri Veniversum Vivus Vici
(con la forza della Verità in Vita ho conquistato l'universo)

“ Il ballo di Malabarba si prefigge il compito di imporre il buongusto…con incursioni di un’ora insegniamo che la poesia è nell’azione “

I sinistri anti-Berlusca avrebbero scritto "insegnamo" senza i... la mettono quando non si deve, come la loro fan page "quando morirà Berlusconi festeggierò sulla sua tomba"...con la i... GNURàNT
(tra l'altro nella lingua italiana il doppio futuro nella principale e nella subordinata è sbagliato, è come in spagnolo... La nostra prof di italiano urlava: LA CONSECUTIOOOOOO TEMPORUUUUUUM !!!)

L'immagine è presa dal film "V for vendetta", con Natalie Portman (nel film viene poi rasata a zero come un militare), nata il 9 giugno come me, Gemelli, a Gerusalemme. V come vendetta, velocità del futurismo, Vodafone :), Venezia (maschera veneziana), vittoria, V come il simbolo femminile del Codice da Vinci qui vicino a me nell'Ultima Cena (simbolo usato anche nei gradi militari), che si trova tra casa mia e la caserma dove ho fatto il militare. Il simbolo della V è come quello dell'uomo Vitruviano, di da Vinci, che era a Venezia e poi a Milano (fa rima :). La V, già nella mitologia greca, era la lettera rappresentante per eccellenza la femminilità, grazie al suo suono dolce ed acido contemporaneamente, rappresentava la sfaccettatura così varia di una donna, così come la doppiezza del mio segno dei Gemelli, il cui numero è il 5, cioè V nei numeri romani (il 5 noVembre del film). Sono romani i numeri dell'orologio del Big Ben di Londra (vedi il post anti-Capodanno, molto londinese e romano), luogo del più grande detective, Sherlock Holmes, cioè io :)), dove è ambientato V for Vendetta.
Tutto questo e molto altro che non posso dire.


Natalie Portman shaved as a soldier :)
in a vision of the future...

La frase detta dal protagonista V, "E' il principio fondamentale dell'universo: a ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria" (miiii che reazionario...), è molto simile ad un'altra pronunciata dal Merovingio in Matrix Reloaded, diretto dai fratelli Wachowski, produttori del film V for Vendetta ("an uncompromising vision of the future from the creators of the Matrix triology"). Il concetto si riferisce al III principio della dinamica di Newton, chiamato "Principio di azione e reazione".
Le frasi prese da Shakespeare: "Nascondi ciò che sono e aiutami a trovare la maschera più adatta alle mie intenzioni" (pronunciata da Viola nella Dodicesima notte) e "Io faccio tutto ciò che è degno di un uomo, chi osa di più non lo è" (dal Macbeth).





23/1/09 - Le pagine culturali de Il Giornale di Silvio di oggi erano spettacolari... di arte. Un articolo su Marinetti versione erotica, "Ecco le istruzioni per fare i futuristi anche a letto", la cui vita sentimentale era stata molto movimentata (questa mi sembra di averla già sentita eh...), e anche un articolo sul Canova (non il prof dello Iulm...).
E questo stupendo articoletto, degno di entrare nel mio libro anti-francia, con dei punti stupendi:

UN'ALTRA MOSTRA SUGLI IMPRESSIONISTI FRANCESI? NO, GRAZIE

Non se ne può più. E' vero che fare una mostra sugli impressionisti francesi è sempre un toccasana per le casse dei musei. Però il troppo è troppo. E per due motivi fondamentali: uno critico e l'altro di correttezza. Veniamo al primo. La carattteristica basilare di gran parte di queste mostre che ormai da anni sono snocciolate sul territorio nazionale è l'assoluta acriticità, cioè l'appiattimento critico su modelli in gran parte imposti. Ciò vuol dire che gli "indiscussi" valori degli impressionisti dovrebbero essere "ridiscussi", in quanto si tratta di posizioni critiche affermatesi quando Parigi era il centro mondiale dell'arte. Ma ne è passata di acqua sotto i ponti. E i nostri macchiaioli e i divisionisti nulla hanno di meno di tanti impressionisti, invece ben più osannati (e valutati). E veniamo al secondo punto. Spesso le mostre sugli impressionisti non mantengono quanto promesso. Esempio: "Van Gogh ed i suoi amici". Traduzione: 5-6 dipinti di Van Gogh ed oltre 60 degli amici! Significa prendere in giro il pubblico che sta in fila per ore perchè gli hanno insegnato che gli impressionisti "sono i migliori". Ma chi l'ha detto? I francesi. Ah, bè. Forse sono gli stessi francesi che stanno cercando di annacquare il futurismo, facendolo passare per un'appendice del cubismo... Paradossalmente, spesso queste mostre hanno messo in luce la scarsa qualità di opere e artisti esposti...

Veltroni: Obama cambierà il mondo ma anche l'Italia

Italian sfigati, those nerds, didn't even understand that saying "Obama is tanned", it means that colour of skin has no importance... An anti-racist joke... (will they ever get it?)

Agli italiani americani ex antiamericani: gli sfigati italiani non hanno neanche capito che dire "Obama è abbronzato", significa che il colore della pelle non conta... Una battuta anti-razzista... (ci arriveranno mai a capirla?)

Silvio Berlusconi is a pure genius.

Se uno si scandalizza per la battuta dell'abbronzato, significa che considera il colore nero della pelle un difetto.
Cosa si scandalizzano poi che questi che adesso fanno gli americani, fino a poco tempo fa bruciavano le bandiere americane, con la "piccola" differenza che una battuta fa ridere, se uno la capisce, e bruciare una bandiera è un reato.
Quella è una battuta che vuole togliere l'etichetta di "nero". E' talmente evidente che non è una battuta razzista...ma l'esatto contrario.

Gioire per la vittoria politica di altri, non della propria, arrivare addirittura a commuoversi ("perchè è nero") è una cosa talmente patetica e svenevole (l'ha detto persino Cacciari, il sindaco di sinistra di Venezia) che la potevano fare solo i veltroniani, arrivando addirittura ad affiggere manifesti di vittoria col simbolo del Pd.
E' da perdenti, "losers", visto che adesso "masticano" l'americano.
Ho visto la festa con la Melandri che festeggiava come un'invasata...che tristezza di donna...quella va sempre alle feste "per l'Africa", e poi smentisce...

Italian communists: "Obama is the end of Berlusconi"
...yesssss... and peace in the world, and free beer for everyone, and donkeys flying.

Per i comunisti il razzista è Berlusconi, quando loro sono per Obama "perchè è nero"...
Cascano ancora nelle sue battute... lui e lo sa, e fa apposta. Lui che, come dicono anche i sinistri, è un maestro della comunicazione, vuoi che non abbia calcolato che i sinistri ci cascano come sempre? In questo modo, non vinceranno mai contro di lui. (bisogna spiegargli tutto?)
Solo un ingenuo può pensare che Berlusconi parli a vanvera. E loro ci sono cascati come sempre. Non è neanche una gaffe perchè tra l'altro avrebbe dovuto farla inconsapevolmente.

Obama piace anche a destra, ma i sinistri italiani rischiano di farlo piacere molto meno. Enormemente di meno, a confronto della battuta dell'abbronzato, che è una battuta che può far piacere Obama persino a persone che sono razziste davvero. Silvio Santo subito.

I sinistri hanno fatto un manifesto con la foto di Gasparri con scritto "vergogna", perchè ha detto che Al Qaeda è contenta che Obama sia diventato presidente. Scusa eh ma è la pura verità. Proprio oggi Bin Laden ha ordinato a Obama di ritrarsi. Obama il nero ha già ricevuto ordini da Osama quello vero. Ritiratevi. Va bene, ubbidiamo. Distruggiamo Israele, va bene ubbidiamo, fate pure, noi abbiamo la crisi economica.
Quanto sono deboli gli Usa adesso...
Il giorno dopo, annunciato pure un attentato stile 11 settembre.

Ho visto Marco Travaglio fare una battutona, "se vince Obama, Berlusconi dirà che da giovane è stato neGro". Una stupidità allucinante...

A proposito di stupidità, Carlà Brunì alla battuta dell'abbronzato ha commentato:
"Sono contenta di essere diventata francese".
Cossiga: "Anche noi".
ghghghgh Mitico Cossiga.
Ma la notizia è che Carlà Brunì sia stata italiana...ma quando?
Cari francesi, tenetevela e ridateci la Gioconda.
Ma poi, con tutti gli episodi veri di razzismo in francia, contro persone di colore, ebrei, ecc., banlieue, cimiteri profanati, hotel dati a fuoco, è contenta di essere francese?

Per "cambiare il mondo" non basta stare con uno "perchè è nero" e farlo presidente. Neanche se poi diventa presidente anche un asiatico, un pellerossa o il Grande Puffo con la pelle blu. Si fa un passo avanti superando l'etichetta del colore della pelle, e lo zio Silvio ci è riuscito.

Un mini gruppetto di studenti romani (dieci "blogger") ha fatto una "manifesta" con la faccia dipinta di nero, scrivendo "why Usa has Obama and we have Berlusconi??". Risposta: because more Italians voted for Berlusconi.
Si chiama democrazia, bellezze... Tra l'altro hanno scritto Americans minuscolo...e questi vogliono fare gli americani? E questi sono per il partito "democratico"?

Com'è che poi quelli del Pd dicono di conoscere Obama e a lui non gliene frega niente?
E' molto grave che così tante gente non si accorga che il vero razzismo è insito nell'antirazzismo esibito. Loro stanno con Obama "perchè, poverino, è nero" e in questo modo si mettono la coscienza a posto. L'avranno scambiato per Calimero? Quello dell' "è un'ingiustizia però!"
Non sono razzisti, erano anti-americani "ma anche" americani. Ora le loro menti illuminate amano tutti. Tranne quelli che la pensano diversamente.
Io se fossi nero sarei molto più offeso da uno che sta con me perchè sono nero che da uno che dice che sono abbronzato, ne riderei, perchè è una battuta che sottolinea che il colore della pelle non conta, e invece mi farebbe sentire diverso uno che ne dà importanza.

Agosto 2008, veltroniani e interisti, le cicale sparlanti:
"Ronaldinho operazione mediatica di Berlusconi"
mwahahahaha a ogni gol che fa, spettacolare, decisivo, contro l'Inter, ecc., GODO come una vacca in calore
.
Ma se Berlusconi fosse razzista come stanno dicendo, come mai non caccia Seedorf e Ronaldinho?

FANTASTICA (nel senso della fantasia) la prima pagina del giornalone "L'Unità":
la Terra vista da lontano, con la data "storica" 4.11.08 (mah, secondo me tra 2 giorni non se la ricorda quasi nessuno, si chiederanno già: era il 3 o il 4, oppure il 5? E tra poco tempo: era ottobre o novembre? Forse dicembre?). E tra un po': era il 2008? O il 2007? 2009? E sotto la scritta "nuovo mondo"...
Poveri illusi!!!
(in Italia il 4 novembre bisogna ricordarlo perchè è la festa delle Forze Armate, la fine della prima guerra mondiale).
Piuttosto, qualcosa di molto più azzeccato, vignetta della Padania, con Barack e Uolter... con sotto scritto: fenomeno Barack e fenomeno baraccone ghghghgh

E dopo il "truccatissimo rifattissimo falsissimo Berlusconi", Uolter Ueltroni, giunto a una certa età, ha detto che si rifà addirittura il naso. Quello di Pinocchio delle balle che ha sempre raccontato.

Altro che Ronaldinho al Milan, altro che Beckham al Milan, di più:
il nuovo fenomeno mediatico è il presidente nero!
Per la sinistra italiana, notizia Ansa:
"La vittoria di Obama è la fine dell'era Berlusconi"
muahahahahahahahahahahauuuuuhahahahahahahauahauahauaha
Sì, "ma anche" la pace nel mondo. (Consiglio: andate a Zelig, farete successo). E birra gratis per tutti. E più gnocca per tutti. E gli asini che volano.
Sì! Anche il cambio del direttore del mio supermercato è la fine dell'era Berlusconi!
Oh che bello, ha vinto Barack Ayers Hussein oSama, e adesso, come dice Uolter Ueltroni, il mondo cambierà. Sono tutto intrippato e non sto più nella pella (nera). Come diceva la canzone: vorrei la pelle nera!

Vedo che ci sono i sinistri che vogliono emigrare in America... ve prego fatelo!!! Fate come Carlà Brunì! La famosa fuga di cervelloni all'estero!!! Per una volta provate a fare qualcosa di reale e non immaginato!!! Così anche loro proveranno ad essere degli immigrati, visto che gli piacciono tanto, lo diventino anche loro (o non finiranno forse per rimanersene a casa col culo al caldo?)

Ahi ahi ahi: ho visto una foto di Obama che mangia un hamburger di McDonald's. Mi ricordo che certi sindaci sinistri, assessori sinistri, presidi sinistri nelle scuole, ecc. avevano creato il boicottaggio di McDonald's perchè è dell' "impero americano", indice di cattiva cultura... e adesso? Le loro menti superiori illuminate acculturate si metteranno lì a pensare e faranno una rivalutazione dei panini?

Citazione del secolo, detta da quello che si sente più intelligente di tutti, baffone fu-fu buffone D'Alema:
"Obama ha preso nel suo governo politici del governo Bush...e guardate se Berlusconi si è degnato di prenderne alcuni dal governo Prodi ah ah"
...
ah ah ridi deficiente! Certo che non ne ha presi, infatti il gioverno Berlusconi è ancora in piedi !!

Se fossi Veltroni starei sempre muto. Non ha nessun motivo per "salire in cattedra" e fare sempre il professorone. Non è laureato, è diplomato in CINEMA, il mondo della finzione, è stato bocciato alle superiori (infatti ha scritto libri di cinema pieni di errori), è figlio del dirigente Rai e di un'immigrata slovena. Niente di così male a non essere laureati o bocciati o figli di stranieri, ma non lo voterei mai per rappresentare il mio paese. Al massimo un condominio. Ma gli italiani, come con Mortadella, si vede che lo votano perchè si riconoscono nel suo essere uno sfigato...
Quasi quasi mi iscrivo alla scuola di cinema e mi faccio bocciare, così seguo l'iter di Uolter Ueltroni "l'amerikano" ex comunista "ma anche" mai stato comunista, come dice.

"Obama cambierà il mondo ma anche l'Italia".
(detto da Uolter Ueltroni, riconoscibile dal "ma anche" e dalla solita boiata detta)
Per la serie: le solite illusioni sinistre.
Ma chi è, Gesù Cristo?
Ma mi farà funzionare anche il decoder?
Ma quindi pensa che l'Italia non sia nel mondo?
Ma perchè limitarsi al mondo, e i poveri abitanti di Marte?
Ma lo sa che Obama è favorevole alla pena di morte? Saranno d'accordo Ueltroni e i suoi amichetti? Ed è pure contrario ai matrimoni gay?
Ma crede che sia un ex comunista come tutti i sinistri "itagliani"? Che sono per l'asino democratico di Obama perchè "fa chic"? Ho l'impressione che stiano dalla parte del nero perchè sono tipo "desperate housewives" insoddisfatte e vorrebbero l'uccellone nero.
Ma lo sanno che l'America è da sempre democratica, mica da ora, e ha sempre combattuto il comunismo, chiunque ci fosse come presidente?
Ma Ueltroni crede che verrà in Italia a parlare con lui e rimuovere Berlusconi?
Ma com'è che i soliti sinistri antiamericani adesso sono tutti americani sganauei?
Ma Ueltroni lo sa che Obama è un inesperto e non costruirà le centrali nucleari e noi saremo qui messi sempre peggio, sempre più neri, a dipendere dal petrolio nero? E invece loro fanno il tifo per uno solo perchè è nero e non ha ancora fatto niente?
Ma hanno votato Barack Ayers Hussein Obama perchè "poverino, è nero e gli è appena morta la nonna"?
Anche a me è appena morta, a me cosa danno, una bambolina?
Ma più cambiare il mondo (che di base rimane pieno di imbecilli, e la loro madre sempre incinta), non sarà molto più probabile che succedano più episodi di razzismo?